FOCUS – Mario, il Milan non ha più tempo per te. Che fine farà Balotelli?

FOCUS – Mario, il Milan non ha più tempo per te. Che fine farà Balotelli?

FOCUS – Mario, il Milan non ha più tempo per te. Che fine farà Balotelli?

Balotelli

MILANO – Doveva essere la stagione del rilancio, l’ennesima opportunità per il talento italiano. Insieme a Mihajlovic si pensava che la storia sarebbe cambiata. I due si conoscevano dai tempi dell’Inter, inoltre si sapeva che il serbo non avrebbe fatto sconti. Stiamo parlando ovviamente di Mario Balotelli, che anche quest’anno ha buttato al vento l’ultima occasione di diventare grande. Ancora poche giornate di campionato, poi la stagione arriverà al capolinea. L’Italia ha definitivamente perso le speranze e probabilmente Mario, verrà ricordato solamente come un gran talento sprecato, come una promessa mai mantenuta, a causa di un carattere maldestro e chissà per quale altri motivi. Avete presente la storia che si ripete a scuola ogni anno ai colloqui con i professori? “Suo figlio ha le qualità ma non si impegna abbastanza”. La storia di Balotelli si potrebbe riassumere così, in questa frase ricorrente nella vita di molti. Un inizio che aveva fatto ben sperare, poi l’infortunio e i soliti capricci.

IL FUTURO – A giugno finirà il prestito dell’attaccante, che sarà costretto quindi a far ritorno in Inghilterra, al Liverpool. Giusto di passaggio però, perché Mario dovrà al più presto trovarsi una nuova sistemazione, e confidare ancora una volta nelle grandi capacità di Mino Raiola. Klopp infatti non lo vuole in squadra, la società nemmeno, tant’è che gli inglesi avrebbero già proposto al Milan il rinnovo del prestito, pagando una parte dell’ingaggio, anche pesante, visto che guadagna circa 3,6 milioni di euro all’anno. I rossoneri dal canto loro, ci stanno pensando, ma il Milan non può più permettersi di aspettarlo. Il prossimo anno bisognerà ripartire di nuovo, ma questa volta da giocatori affermati, da calciatori di sicuro rendimento e affidabilità. Se si vuole tornare grandi la strada da prendere è soltanto questa. A Mario non resta che augurargli il meglio, nella speranza che prima o poi, magari ripartendo dal basso, possa finalmente crescere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy