Abate: “Nessuno credeva in noi, ora non ci vogliamo più fermare. I giovani ci danno follia e spensieratezza”

Abate: “Nessuno credeva in noi, ora non ci vogliamo più fermare. I giovani ci danno follia e spensieratezza”

Le parole del capitano rossonero

MILANO – Ai microfoni di Sky Sport, nella settimana di Milan-Juventus, Ignazio Abate, capitano del Milan dopo l’infortunio di Montolivo, ha parlato del momento positivo dei rossoneri in questa stagione. “Stiamo lavorando su un’idea di gioco ben precisa. Siamo partiti a fari spenti, ma nella nostra squadra ci sono qualità importanti. Non eravamo da buttare due mesi fa, come non siamo da scudetto ora. Serve equilibrio. Intorno a Natale vedremo la classifica e vedremo se avremo avuto miglioramenti costanti. È presto, pensiamo partita dopo partita e a fare più punti possibili. Ho sempre creduto in questo gruppo, ci sono giocatori di qualità e con principi morali molto forti. Ci sono tutti i presupposti per fare bene. Per ora siamo secondi e ci godiamo il momento. Siamo un bel gruppo che lavora da tempo insieme. Il mister ha ragione quando dice che abbiamo bisogno di spensieratezza e di pensare positivo. Si respira una bella atmosfera. Nessuno credeva in noi, ma con umiltà e lavoro stiamo mettendo un mattoncino alla volta. Non ci vogliamo fermare, ci sono diversi giovani che ci danno un po’ di follia e spensieratezza che fa sempre bene”.

Poi sugli avversari di sabato. “Non ci potranno essere cali di tensione perché incontreremo una delle squadre più forti in Europa. Giocare davanti a San Siro pieno sarà bellissimo. Contro la Juventus non vinciamo da troppo, brucia ancora la sconfitta in Coppa Italia nella quale meritavamo di più. Affrontiamo i più forti e vedremo a che punto è la nostra crescita. È una partita da tripla, partiamo sfavoriti, ma nei 90’ può succedere di tutto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy