PAGELLE – Bacca superstar, bene anche Honda. De Sciglio è imbarazzante

PAGELLE – Bacca superstar, bene anche Honda. De Sciglio è imbarazzante

Il Milan batte il Carpi 2-1 e va in semifinale di Coppa Italia. Straripante Bacca, migliore in campo stasera. Male la difesa, bene il quartetto offensivo

Bacca

Il Milan batte 2-1 il Carpi e accede alla semifinale di Coppa Italia, in attesa di Spezia o Alessandria, e adesso ha la strada spianata verso la finale di Coppa. Decidono i gol di Bacca e Niang nel primo tempo, il gol di Mancosu ad inizio ripresa su regalo di De Sciglio e della difesa rossonera non mette in discussione il risultato. Mihajlovic salva la panchina e ha notizie incoraggianti anche da Honda, mentre la ricerca al partner di Romagnoli è sempre più in salita.

ABBIATI 6 – Costretto solo a interventi di ordinaria amministrazione, non può nulla sul gol del 2-1 di Mancosu ad inizio ripresa. Impreciso con i piedi, non ha la qualità di Donnarumma ma i difensori del Milan non ne sono a conoscenza.

DE SCIGLIO 4 – Il suo arrancare dietro a Lasagna sul gol di Mancosu è semplicemente imbarazzante. Un caso umano, due anni fa aveva gli occhi di Ancelotti e del Real Madrid addosso, adesso fa fatica anche contro gli attaccanti del Carpi.

ZAPATA 5 – Riesce ad abbinare supponenza e insicurezza, un ossimoro che suona benissimo per lui. Inspiegabile come si faccia spostare regolarmente da Lasagna, decisamente più piccolo e leggero di lui, le cose migliori le fa in fase offensiva, ma di mestiere farebbe il difensore.

ROMAGNOLI 5.5 – Mezzo voto in più perché, onestamente, Alessio è un difensore al contrario dei suoi compagni di reparto. Va in difficoltà anche lui e non riesce a guidare la difesa. Se chi va con lo zoppo impara a zoppicare, occorre trovare subito un compagno di reparto per l’ex Samp.

ANTONELLI 6 – L’unico sufficiente della linea difensiva, ma solamente perché è propositivo in fase offensiva. Non benissimo anche lui in occasione del gol del Carpi, per il resto funziona discretamente il binario di sinistra con Bonaventura

HONDA 6.5 – Nel primo tempo la miglior versione del giapponese degli ultimi mesi. Ottimo l’apporto in fase offensiva, tagliando spesso centralmente e trovando buone soluzioni. Cala nella ripresa, ma ci teniamo stretti le cose viste nel primo tempo

KUCKA 6 – Uno strapotere fisico che in certi momenti non è accompagnato dalle giuste scelte. Spreca due palloni importanti in area di rigore cercando il gol invece che l’assist, egoismo che non permette al Milan di segnare il 3-1.

MONTOLIVO 5.5 – Regia imprecisa, sbaglia troppo spesso le verticalizzazioni e qualche apertura in orizzontale. Si vede che non è sereno e sbaglia passaggi non da lui, non è più un leader di questo Milan

BONAVENTURA 6.5 – Silenzioso nel primo tempo, dove osserva quasi sorpreso un Honda inedito che quasi lo oscura. Cresce sensibilmente nella ripresa quando cala il Milan, aiutando i rossoneri nel momento di maggiore difficoltà

BACCA 7.5 – Campione vero. L’allenatore è in bilico, lui si carica la squadra sulle spalle e decide la sfida. L’assist per Niang è splendido, il gol del vantaggio è un’immagine che andrebbe fatta vedere nelle scuole calcio. Determinazione nell’anticipare Brkic e classe nell’anticipare il recupero dei difensori con una splendida rabona.

NIANG 6.5 – Inizia isolandosi troppo, quasi come se volesse spaccare il mondo. Dopo quindici minuti inizia a dialogare con i compagni e cambia marcia, con il Milan che nel primo tempo diverte e si diverta. Sparisce ad inizio ripresa, viene richiamato da Sinisa.

BOATENG 6 – Svaria sul fronte offensivo e dà una mano ai due centrali di centrocampo per gestire il risultato. Dopo l’esordio a Roma, un’altra mezz’ora abbondante messa sulle gambe in attesa della condizione fisica migliore.

BERTOLACCI 5.5 – Entra a 15 minuti dalla fine e sbaglia diversi appoggi, poco pericolosi visto che il Carpi non ha più la forza per ripartire. Da rivedere

MIHAJLOVIC 6.5 – Primo tempo da 7, un Milan perfetto che domina e chiude avanti per 2-0 con Bacca e Niang. Prende gol a inizio ripresa da un proprio calcio d’angolo, è l’unica macchia di una partita dove comunque il risultato non è mai stato in discussione. Panchina al sicuro, per ora…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy