Stirpe: “Con le dimissioni di Tavecchio non spariscono i problemi. Contro la Svezia 11 giocatori scarsi”

Stirpe: “Con le dimissioni di Tavecchio non spariscono i problemi. Contro la Svezia 11 giocatori scarsi”

Le dure parole del presidente del Frosinone

MILANO – Maurizio Stirpe, presidente del Frosinone, ha parlato con toni abbastanza severi del delicato momento che sta vivendo attualmente il calcio italiano. Queste le parole del patron dei ciociari: “Mancano serietà e progettualità, i problemi non si risolvono con le semplici dimissioni di Tavecchio. Come Lega di B ci sarebbe piaciuto assistere alle dimissioni dopo aver parlato di programmi, la stessa cosa sarebbe piaciuta alla Lega di serie A. Oggi invece abbiamo il movimento del calcio decapitato, senza alternative. Le chiacchiere che si leggono sui giornali sono tutti luoghi comuni. Si parla delle seconde squadre a vanvera, sarebbe un danno per un club come il nostro. Se la Juventus può far giocare la squadra B, il ‘brand’ delle altre squadre muore.”

Tavecchio Figc

Sulla squadra che ha perso il playoff contro la Svezia“Contro la Svezia c’erano in campo 11 giocatori scarsi, possibile che non paga nessuno per questo? Dovrebbero dimettersi anche Damiano Tommasi e Renzo Ulivieri. Non è possibile che quei giocatori domenica scorsa abbiamo ricevuto solo applausi dopo i pianti. Il nostro Paese per fare così, per premiare chi ha pianto, si sta auto distruggendo.”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy