Inter, Zanetti: “Vincere il derby darebbe forza, si arriverà lontano”

Inter, Zanetti: “Vincere il derby darebbe forza, si arriverà lontano”

L’ex capitano storico nerazzurro commenta il momento della squadra in vista del match di domenica, ma si lascia travolgere dagli emozionanti ricordi: “Nel 1997-98 Ronaldo fu devastante, mai vista una cosa simile”

MILANO – Domenica uno dei match più attesi dell’anno, il Derby della Madonnina. Non solo Milano, ma probabilmente tutta l’Italia e oramai anche la Cina sarà presa dall’evento sportivo. Ogni volta grandi emozioni, come spiega anche Javier Zanetti, ex capitano dell’Inter e attualmente in dirigenza. “Mi aspetto ulteriori segnali di crescita, sotto ogni aspetto. Una vittoria darebbe ancora più fiducia a un gruppo che si sta dimostrando solido e pienamente coinvolto nel nuovo progetto tecnico”, ha affermato l’ex numero quattro nerazzurro ai microfoni de La Gazzetta dello Sport.

La squadra può arrivare lontano: “La squadra per noi ha un grande valore tecnico. Il gruppo è solido e completo. Possiamo e dobbiamo dare fastidio a tutti, ma l’obiettivo principale è di tornare in Champions League. Dobbiamo tornare nell’Europa che conta, lo impone la storia del club. Vincere domenica ci porterebbe fuori dal groppone, avrebbe il sapore di un primo importante strappo. Stiamo costruendo un grande futuro, i tifosi possono stare tranquilli. Suning è una garanzia”. Fra i talenti dell’Inter di oggi si distingue Icardi, un fuoriclasse: “Mi ricorda Crespo, anche lui letale negli ultimi 16 metri, tra i migliori mai visti”. Ma il Milan in questa sfida ce la metterà tutta: “Mi aspetto un Milan pericoloso. D’altronde sarà una gara decisiva per entrambe nella corsa alla Champions. Sarà un grande Derby”.

Ricordi, tanti ricordi: “Giocare il Derby a San Siro, con 80.000 persone sugli spalti, è un qualcosa di unico al mondo. Io e Maldini, da capitani, abbiamo vissuto match storici, fantastici, pieni di campioni. Si fermava il mondo per vederci. Gare sentitissime, grande rispetto in campo e fuori. Ancora oggi è bello vedersi per alcune iniziative”. Il Derby preferito: “Inizio con il mio primo Derby in campo. Finì 1-1, gol di Paganini e Savicevic. Ero emozionatissimo all’idea di giocare contro Baresi e Maldini, erano già due monumenti. A pochi minuti dalla fine mi ritrovai a terra dopo un contatto ed ero pronto a rialzarmi per protestare, ma mi resi conto che avevo fatto a sportellate con Baresi… Fu un attimo. Tornai nella metà campo senza dire nulla, facendo la figura del giocatore all’inglese che non si scompone mai. In realtà era solo rispetto”. Al secondo posto invece: “Inter-Milan 2-2, 13 marzo 1999. Ho segnato la rete del definitivo pareggio”. Al terzo: “Il 4-0 nell’agosto 2009. Eravamo in casa del Milan, che spettacolo il gol del vantaggio di Thiago Motta! Siamo andati in porta dopo una serie infinita di passaggi”.

Gli EuroDerby 2003, momenti indelebili, lacrime e uomini veri: “Fuori dopo due pareggi… Che dolore per quell’1-1 nel match di ritorno. Ma nei giorni successivi ho provato solo orgoglio per come avevamo affrontato la sfida. Piansi nello spogliatoio e i primi ad abbracciarmi furono Ancelotti, Costacurta e Maldini. Erano Derby stellari, con uomini veri”.

L’avversario più forte tuttavia è Kakà: “Era un mostro, ovunque, quasi immarcabile. Ricordo una volata con lui, sono riuscito ad accompagnarlo sul fondo e San Siro mi applaudì ma ero completamente senza ossigeno”. Shevchenko però era un’altro asso difficile: “Ci ha bucato quasi tutte le volte… Aveva tutto: velocità, cuore, dribbling e tiro. Ed era anche un ragazzo meraviglioso”. Ronaldo in assoluto però è stato il più forte mai affrontato nei Derby: “ Nel 1997-98 in particolare. Mai visto niente di simile. Devastante. Un marziano”.

E poi sulle parole di Fassone sui debiti: “I percorsi scelti dai due club sono molto diversi. L’Inter guarda solo in casa propria. Le nostre strategie sono chiare, alla luce del sole e pensiamo solo a quelle”.

Seguici anche su Telegram: clicca qui e scopri come

3

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy