Bonucci: “C’è delusione, ma dobbiamo guardare avanti. Per la nazionale bisogna dare spazio ai giovani”

Bonucci: “C’è delusione, ma dobbiamo guardare avanti. Per la nazionale bisogna dare spazio ai giovani”

Le parole del capitano del Milan dopo il ko del Napoli

MILANO – Il Milan cade al San Paolo. Il capitano dei rossoneri Bonucci analizza così il ko ai microfoni di ‘Premium Sport’. “C’è un po’ di delusione. Nel secondo tempo abbiamo quasi sempre giocato nella metà campo avversaria. Ci manca sempre qualcosa per ottenere grandi risultati. Cosa manca? Dobbiamo guardare e non piangerci. Dobbiamo guardare avanti e crescere in personalità e cattiveria. Abbiamo continuato a spingere anche dopo il 2-0. Non abbiamo mai mollato, ma forse il gol è arrivato tardi. Nel primo tempo il Napoli ci ha pressato molto alti. Arrivati sulla trequarti, avevamo un po’ di timore. Dobbiamo capire che ogni palla può essere decisiva se giocata in maniera giusta. A volte cerchiamo giocate troppo scolastica. Serve più coraggio, ma anche maggiore sicurezza e tranquillità. La squadra c’era, ma ora serve fare quel salto di qualità“.

Bonucci ha parlato anche a Sky: “Sconfitte con le prime sei? Io sono abituato a guardare il lato positivo, e stasera abbiamo giocato alla pari con una squadra che lotta per il titolo. Dobbiamo fare un salto in coraggio e autostima. Le prossime giochiamo con le piccole? Non ci regala niente nessuno, le partite vanno sempre giocate e fino al 6 gennaio non possiamo permetterci passi falsi“. Sulla nazionale: “C’è rabbia e ci sarà sempre, è un peccato e ci perdiamo tutti, ci serviva umiltà. Cosa si può cambiare? Dobbiamo cambiare mentalità, dobbiamo lavorare su questo. I piani alti devono impegnare ad aumentare la cultura e lo sviluppo del calcio nel Paese“. Su Ventura: “Trovare l’unico colpevole in Ventura è stato brutta, non è stata solo colpa sua ma di tutti, va divisa. La mancata qualificazione non è arrivata per colpa di chi siede in panchina, ma di idea di calcio in generale. Niente più alibi, ma miglioramento delle strutture e l’attenzione per lo sviluppo dei giovani. Ancelotti? Parla la carriera, potrebbe dare tanto“.
Restando sulla nazionale: “I giocatori ci sono, ma ci sono anche molti giovani che mancano di esperienza per gare fondamentali. Negli altri campionati giocano in Champions e titolari in squadre importanti, noi abbiamo pochi giovani che giocano ad alti livelli, trovano spazio solo in squadre minori“.

ilmilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy