Rinnovo Donnarumma: ecco i retroscena

Rinnovo Donnarumma: ecco i retroscena

La questione intorno al futuro del giovane portiere rossonero si protrae da tempo: scaduto l’ultimatum, il Milan smorza i toni e aspetta il prossimo incontro con Raiola, ma…

MILANO – Gianluigi Donnarumma, l’ultimo a presentarsi all’appello nel ritiro dell’Under 21 di Di Biagio. Ha parlato tanto col il suo agente Mino Raiola, rimasto a Montecarlo. Il Milan attende la risposta: l’ultimatum è scaduto ieri, ma il contatto è avvenuto solo in tarda serata.

donnarumma

Il Milan smorza i toni dell’ultimatum e “accarezza” Raiola e Gigio

Una telefonata per darsi appuntamento nei prossimi giorni, alla fine di una giornata in cui il club rossonero aveva mandato segnali distensivi: Marco Fassone, infatti, intervenendo a Radio 24 ha lisciato il pelo a Raiola e mandato altre carezze a Gigio. “Spero di cuore di trattenere Donnarumma. È un ragazzo fortissimo. Corteggiarlo è come corteggiare una bella donna ma in questo caso c’è qualcun altro di mezzo che sa fare bene il proprio mestiere. Spero finisca tutto nel migliore dei modi”, ha dichiarato l’a.d. del Milan, smorzando i toni dell’ultimatum, e mostrando semmai una mano tesa all’agente con il riconoscimento di fare bene il proprio mestiere.

 

I motivi dietro l’attesa imposta da Raiola

 

Il Milan aspetta ancora. Ma Raiola sa fare il suo gioco: da una parte vuole evitare che il club possa andare sul mercato e cautelarsi acquistando un portiere di prima fascia, tanto che ieri l’ipotesi Reina al Milan dopo la rottura con De Laurentiis ha infastidito non poco l’agente; dall’altra c’è l’intento di costringere Fassone e Mirabelli ad accettare la clausola che ha studiato da settimane e che di fatto spingerebbe sul mercato Donnarumma nel caso la squadra affidata a Montella non dovesse centrare la qualificazione in Champions League per la stagione 2018-2019.

Mino Raiola-Milan,

Il Milan dice no alla clausola: ecco perchè

Ma per il Milan la clausola potrebbe essere particolarmente nociva: se davvero dovesse fallire la qualificazione alla coppa più prestigiosa, per i rossoneri ci sarebbe un doppio danno: oltre a perdere la cifra che s’incassa partecipando al girone iniziale di Champions (30 milioni più o meno), dovrebbero rinunciare al loro gioiello a una cifra non molto alta che si aggira intorno ai 50 milioni. Sarà perciò un lungo braccio di ferro.

 

Si pensa al piano b per convincere Gigio

 

Non ha funzionato neanche la carta del fratello Antonio per ammorbidire la questione. E perciò si studia il piano b: mossa a sorpresa dei rossoneri potrebbe risultare un interessamento a Ibrahimovic, già reclamato sul web dai tifosi. Proporre un contratto a gettone al campione svedese che è in piena convalescenza e trasformarlo nel leader dello spogliatoio per guidare il Milan in Europa League è la suggestione per ora accarezzata più supporters milanisti. Ma far tornare Ibra, sempre sotto la procura di Raiola, significherebbe anche dare ancora più potere all’agente.

Donnarumma-Milan

Le scelte della vita privata di Gigio danno ottimismo all’ambiente rossonero

Ma il retroscena che lancia un segnale positivo in casa Milan riguarda la vita privata del giovane Gigio: la scelta di acquistare casa in centro ma anche di far trasferire da Castellamare a Milano anche la sua fidanzata, che finirà cosi gli studi nel capoluogo lombardo, mette ottimismo all’ambiente. D’altronde la sua famiglia è già a Milano, mamma in testa.

Ecco però chi arriverebbe al Milan se Donnarumma dovesse rifiutare il rinnovo…CONTINUA A LEGGERE

3

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy