Da Morata a Belotti: Milan a caccia dell’attaccante

Da Morata a Belotti: Milan a caccia dell’attaccante

I rossoneri sono disposti anche a qualche pazzia pur di portare in rosa l’uomo che possa dare una marcia in più al reparto offensivo, punto debole del vecchio Milan: in pool position Morata e Belotti

Di Delia Paciello

MILANO – La finale di Cardiff ha chiuso definitivamente la stagione calcistica. Ora si pensa esclusivamente a programmare il futuro, soprattutto con le mosse migliori sul mercato. Il Milan della nuova proprietà cinese ha operato in anticipo sulle altre squadre per pianificare il nuovo anno: il rinnovo contrattuale di Montella, l’acquisto di Musacchio e di Kessie, nonchè il nuovo arrivo di Ricardo Rodriguez, testimoniano la prontezza della dirigenza rossonera. Infatti anche il difensore del Wolfsburg proprio in questi giorni si sottoporrà alle visite mediche e firmerà il contratto con i rossoneri.

E’il momento di Morata

MORATA juve

All’indomani della finale di Champions League per il Milan si apre una settimana chiave per definire il nome del futuro attaccante rossonero: il primo nella lista era Alvaro Morata, un sogno rossonero. Impegnato finora per la competizione europea, ma ora libero da ogni altro pensiero, si è però mostrato dubbioso dopo la finale: “Non so se resto o vado via, non dipende solo da me“, ha dichiarato infatti subito dopo la vittoria con in bianconeri.

Ora però è il momento di pianificare, e Alvaro prenderà con i familiari una decisione definitiva sulla prossima destinazione. Il papà a Cadena Cope (radio spagnola), ha lasciato intendere però che l’unico club che si è fatto avanti è il Manchester United, che si è detto disposto a inserire De Gea nella trattativa con le merengues.

L’offerta del Milan per Alvaro

Il Milan ha già lanciato la sua proposta: l’offerta per lo spagnolo ammonta a 8 milioni di euro. Per ora nessun incontro in programma con il Real Madrid. Si aspetta prima la conferma dell’attaccante, secondo quanto riferito dall’edizione odierna del Corriere della Sera.

Le alternative

 

Tuttavia Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli non vogliono farsi trovare impreparati in caso di rifiuto: fra le alternative in primo piano c’è Belotti, per il quale hanno già organizzano un incontro con il Torino nella giornata di domani per tastare la situazione, e Andrè Silva del Porto, nome poposto dal suo agente Jorge Mendes a Cardiff nell’incontro con i due dirigenti.

La situazione Belotti

Belotti-Milan

Dato che Alvaro Morata non sembra entusiasta del possibile trasferimento al Milan e l’affare col Real Madrid non è partito col piede giusto, Andrea Belotti diventa la prima scelta per rinforzare il reparto offensivo rossonero. Il Torino però è piuttosto esigente: non lascerebbe andare via il Gallo per meno di cento milioni di euro, come previsto dalla clausola.

La controfferta del Milan

Il Milan ha in mente una controfferta: sessanta milioni di euro subito, il resto suddiviso in maniera diversa:  altri dieci milioni di euro andrebbero al Torino sotto forma di bonus, ma potrebbero garantire ai granata anche qualche contropartita tecnica importante.
E’ il caso ad esempio di Gianluca Lapadula e di Andrea Bertolacci, che pare che il Milan abbia deciso di inserire nell’affare col Toro.
Ma il Diavolo deve anche pensare a sfoltire la rosa: è per questo che si pensava di cedere definitivamente M’Baye Niang, quest’anno in prestito al Watford, il quale, guarda caso, è un pallino di Sinisa Mihajlovic: sarebbe un elemento in più per convincere il Toro.
Il Milan in ogni caso ha bisogno di investire sull’attacco, e su un giocatore in grado di finalizzare le azioni di gioco rossonere: per avere l’uomo giusto sarebbe anche disposto a qualche follia.
3

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy