Mancini risponde a Gullit: “L’invidia è un brutta bestia”

Mancini risponde a Gullit: “L’invidia è un brutta bestia”

L’olandese aveva attaccato l’operato delle tecnico jesino nelle sue ultime settimane al timone dell’Inter

MILANO – L’ex rossonero Ruud Gullit, intervistato da Ziggo Sports, ha attaccato l’operato di Roberto Mancini nelle sue ultime settimane al timone dell’Inter: “Il tecnico jesino ha fatto poco durante la preparazione estiva, aveva già pensato di andare via e non ha allenato adeguatamente la squadra. Ora de Boer si ritrova a guidare una squadra con molte difficoltà a livello fisico, li sta allenando e sta cercando di migliorare la condizione generale“.

RISPOSTA – Pronta è arrivata la risposta dell’ex allenatore nerazzurro. Ai microfoni di Radio Incontro Olympia, Mancini ha commentato le dichiarazioni dell’olandese: “Gullit è stato fortunato ad essere stato un grande calciatore. Punto. Nel calcio, quando si è stati grandi sul campo e poi non si riesce a fare altro, è difficile accettarlo e a volte, a queste persone, piace parlare male di altri allenatori e giocatori. Va bene essere amico di de Boer ma questo non giustifica tali ammissioni. Gullit però non è l’unico, ce ne sono tanti. L’invidia è una brutta bestia“.

LAZIO – Mancini ha poi ricordato gli anni alla Lazio: “In biancoceleste ho vinto tanto, Cragnotti aveva investito molto, andando ad acquistare i giocatori migliori. In quegli anni eravamo una delle squadre più forti al mondo. Abbiamo anche vinto poco! A Roma sono stato benissimo. Non sono romano ma quasi. Mi sono ambientato bene, nella Capitale torno spesso. Un voto al calciomercato della Lazio? Non l’ho seguito molto. Auguro a Simone Inzaghi le cose più belle, di fare un grande campionato e di diventare un grande allenatore“. Intanto anche i rossoneri restano vigili sul mercato degli svincolati…

ilmilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy