Inchiesta Milan del NYT: “In Cina nessuno conosce Mr. Li, ho forti dubbi sul saldo del debito”

Inchiesta Milan del NYT: “In Cina nessuno conosce Mr. Li, ho forti dubbi sul saldo del debito”

Parla alla Gazzetta dello Sport Tariq Panja co autore dell’articolo su Li Yanghong

MILANO – In settimana hanno fatto molto scalpore le voci provenienti dal New York Times riguardanti la dubbia proprietà di miniere di fosforo del presidente del Milan, Li Yanghong.
Gazzetta dello Sport ha intervistato uno degli autori dell’inchiesta Tariq Panja – gli altri sono Sui Lee-Wee e Ryan McMorrow – per chiarire i motivo per il quale abbiano scelto di indagare proprio sul presidente rossonero. Ha così dichiarato: “Perché abbiamo deciso di concentrarci sul Milan? Abbiamo iniziato a farlo quando il calcio è diventato una priorità per Xi Jinping, volevamo capire quali fossero i motivi che spingono la Cina ad investire nel calcio estero e chi realmente fossero gli investitori. Il caso più intrigante era senza dubbio quello del Milan, perché per distacco era il club più costoso e vedeva coinvolto un personaggio sconosciuto. Il contrario è invece accaduto con l’Inter, il cui proprietario è molto conosciuto. Sia in Cina che in altre parti del mondo, abbiamo lavorato per diversi mesi su quest’inchiesta, tentando di parlare con il maggior numero di persone. In Cina quasi nessuno aveva sentito parlare di Li Yonghong, per questo ci hanno fatto chiedere come una figura del genere potesse stare dietro l’acquisto di un club così importante come quello rossonero”

Aggiungendo i dubbi sulla possibilità di saldare il debito con Elliot: “Non sappiamo esattamente che tipo di relazione ha dietro le quinte Li Yonghong, ma in Cina i miei colleghi non hanno trovato alcuna prova sul fatto che sia il reale proprietario di Guangdong Lion, la società che controlla le miniere. Perché è stato approvato l’accordo per il Milan? Non so, bisognerebbe chiedere a chi ha fatto i controlli, ma a mio avviso sarebbero serviti esami più approfonditi. Per come è attualmente la vicenda, pare possa concludersi creando un imbarazzo alle autorità del calcio italiano. Se io fossi un tifoso del Milan vorrei sapere chi è a possedere il club, vorrei che questo fosse chiaro. Il prezzo per l’acquisto del Milan è stato molto alto e gli interessi con Elliott sono una bomba pronta a esplodere per la proprietà. In questo momento non vedo come il Milan potrà pagare il suo debito con il flusso di cassa attuale“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy