FOCUS – Axel Witsel

FOCUS – Axel Witsel

Witsel: un Diavolo per capello

Sebbene Galliani abbia detto che il mercato in entrata sarà strettamente legato a quello in uscita, nel mercato di gennaio qualcuno arriverà a quanto sembrerebbe. Il reparto che si vuole andare a rinforzare, si sa, è il centrocampo e tra i nomi che circolano spicca quello di Axel Witsel, centrocampista belga dello Zenit di San Pietroburgo già seguito in estate. La strategia per portarlo alla corte di Mihajlovic sarebbe quella di racimolare un bel gruzzoletto grazie a qualche cessione e di conseguenza andando a risparmiare sul monte ingaggi nonostante la quotazione di Witsel si sia leggermente alzata rispetto a quella di quest’estate.

Axel Witsel nasce a Liegi il 12 gennaio 1989. Di origine martinicane, è naturalizzato belga. Trattasi di un giocatore dotato di una buona tecnica e di un’ottima visione di gioco oltre ad essere molto duttile. Per la sua prestanza fisica e per come riesce a gestire la palla è paragonabile a Patrick Viera anche se il paragone può sembrare azzardato. A 15 anni lo Standard Liegi lo preleva dai dilettanti del Visè e solamente 2 anni dopo, esordisce in prima squadra ripagando sin da subito la fiducia del tecnico Preud’homme allora sulla panchina dello Standard. La stagione successiva, in coppia con Fellaini, vince la Jupiler League ed è nominato Calciatore belga dell’anno. Dopo aver esordito in Champion League nel 2008, rimane a Liegi sino all’estate del 2011 quando il Benfica lo acquista per 13,5 milioni di euro. In Portogallo rimane solo un anno, anno in cui la squadra lusitana non vince nulla nonostante le ottime prestazioni del centrocampista. Lo Zenit di San Pietroburgo allenato da Spalletti, lo acquista pagando l’intera clausola di rescissione fissata a 40 milioni di euro. In Russia, dove milita tutt’ora, Witsel ha fino a questo momento collezionato 136 presenze condite da 19 reti.
Nonostante la sua giovane età, vanta già 64 presenze e 9 reti con la maglia della nazionale belga. Nazionale con la quale ha disputato i Mondiali del 2014 in Brasile.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy