COMMENTO – Milan ancora fatal Verona, l’arbitro aiuta

COMMENTO – Milan ancora fatal Verona, l’arbitro aiuta

I rossoneri sono penalizzati ma l’attacco è ancora una volta sterile. Ora il Sassuolo è vicinissimo

MILANO – I padroni di casa del Verona vogliono allontanare almeno di una giornata la matematica retrocessione e per questo cercano di giocare la sfida a viso aperto. Inizialmente gli spazi sono molto stretti con entrambe le squadre ben disposte in campo.  L’Hellas ci crede, tra pressione e ricerca della profondità riesce a mettere in difficoltà i rossoneri. Troppi gli errori in difesa del Milan che soffre per tutto l’inizio di gara.

CAMBIA L’INERZIA – I rossoneri trovano il vantaggio in modo fortunoso con Gollini che sbaglia la presa. La partita è molto fisica e  il gioco passa soprattutto per il centro. Honda risulta molto statico, bloccato dalle due linee strette del Verona. Il gioco è caratterizzato dai lanci lunghi di entrambe le squadre anche se adesso i rossoneri potrebbero gestire il possesso palla. Si fatica a tenere la palla bassa, ma Bacca è bravo nelle sponde dando un po di fiato alla squadra.

ALTEZZA ED INFORTUNI – Il Verona per agganciare il pari cerca di sfruttare la lunga assenza di De Sciglio. Il difensore ha riportato un brutto taglio e per una buona parte di partita è stato costretto ad entrare e uscire dal campo più di una volta. L’Hellas crossa dalle fasce per provare a sfruttare l’altezza di Pazzini e l’inferiorità numerica dei rossoneri che in contropiede risultano pericolosi.  L’ingresso di Antonelli porta il Milan a spingere molto di più e grazie ai cambi di gioco iniziano ad aumentare le occasioni per i rossoneri.

PALLE PERSE – Nonostante il vantaggio e qualche occasione i rossoneri perdono spesso palla. L’impostazione di gioco richiesta da Brocchi latita soprattutto per merito del Verona che in campo non molla un centimetro.  La stanchezza dei padroni di casa permette ai rossoneri di gestire leggermente meglio, il Milan prova a stendersi e dall’out di sinistra arrivare le giocate migliori.

L’ARBITRO – Sul finire di gara, quando il Milan era nel suo momento migliore, il direttore di gara assegna un rigore inesistente ai padroni di casa. La partita si riapre e ora il ritmo è altissimo.  Entrambi vogliono la vittoria e gli spazi sono tantissimi. Il Milan è lungo e Brocchi prova il tutto per tutto schierando quattro punte in contemporanea ma ancora una volta il Milan non riesce a trovare il raddoppio. Anzi è il Verona che sfiora il vantaggio a più riprese per poi trovarlo all’ultimo secondo.

CLICCA QUI PER LEGGERE LE PAGELLE

Ilmilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy