Buon Compleanno Super Pippo Inzaghi!

Buon Compleanno Super Pippo Inzaghi!

Nato il 9 Agosto 1973, il calciatore piacentino del Milan compie oggi 44 anni

MILANO – Fu Cesare Maldini a convocarlo nella Nazionale Italiana Under-21 per l’Europeo del 1994, vinto in finale contro la Francia. Fu Filippo Inzaghi stesso a dare il meglio di sé nella stagione 1996/97 con l’Atalanta, in cui diventò capocannoniere con 24 reti, segnando a 15 squadre su 17 avversarie, eguagliando, numericamente, il record di Michel Platini.

La storia di Filippo Inzaghi al Milan è una storia fatta di grandi vittorie, record infranti, reti decisive e tanti, dolorosi, infortuni che costelleranno l’intera carriera del giocatore, che con la maglia rossonera ha vinto due Champions League, una Coppa del Mondo per Club, due Supercoppe Europee, due Scudetti, una Coppa Italia e due Supercoppe Italiane. E – naturalmente – la Coppa del Mondo 2006 con la maglia azzurra.

Super Pippo esordisce con i colori del Diavolo fuori casa, a Brescia, per un 2 a 2 in campionato, il 26 Agosto 2001, quasi sedici anni fa. A San Siro segna il suo primo gol contro la Fiorentina, nel 5 a 2 finale del 9 di Settembre del 2001. A Dicembre, uno scontro con Cristiano Lupatelli, portiere del Chievo, gli procura un infortunio grave al legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro, portandogli una stagione difficile, ricca di alti e bassi e 10 reti, decisive per la qualificazione in Champions League.

Nella stagione 2002-03 è di nuovo decisivo nel gol del 2 a 2 in finale di Coppa Italia contro la Roma, il primo dei trofei rossoneri di Pippo, ma soprattutto è decisivo con i 12 gol in Champions League che portano il Milan alla finale di Manchester, vinta contro la Juventus. Dopo la gloria, di nuovo una serie di infortuni (schiena, ginocchio, gomito, caviglia), lo costringono a due delicati interventi chirurgici.

Filippo Inzaghi si rialza e viene convocato al Mondiale 2006, dove riuscirà a segnare un gol nei 33′ giocati contro la Repubblica Ceca, per il 2 -0 finale che porta l’Italia a qualificarsi come prima nel girone, primo passo nella strada che porta al 9 luglio di Berlino.

Nel 2007 è re di Atene e conquista la Champions League con 2 reti in finale al Liverpool, un record ancora imbattuto, quello delle due reti in finale, che condivide ancora oggi con Daniele Massaro (finale vinta dal Milan nel 1993-1994), Karl-Heinz Riedle, Hernan Crespo (nella tragica notte di Istanbul), Diego Milito e Cristiano Ronaldo. Super Pippo viene incoronato prima man of the match alla fine del 2 a 1 sul Liverpool e dopo firma il gol del temporaneo pareggio recuperando lo 0 – 1 col Siviglia, prima del 3 a 1 finale nella sfida di Supercoppa Europea, vinta dal Milan nello stesso anno.

La sua scalata al record comincia superando le 62 reti ufficiali in competizioni Uefa di Gerd Muller, con il 63esimo gol in Europa contro il Celtic, il 4 Dicembre 2007 e con la meravigliosa doppietta al Boca Juniors ( 4 a 2 per i rossoneri ) che vale la conquista della Coppa del Mondo per Club, diventa l’unico calciatore che ha segnato in tutte le competizioni per club.

Record personali: nel 2 a 1 a Palermo (24.2.2008), supera i suoi 89 gol con la maglia della Juve, segnando il 90esimo gol con la maglia rossonera. Un altro infortunio lo costringe ad allontanarsi dal campo, ma ritorna segnando 10 gol in sette partite, fra cui uno splendido colpo di testa nel derby vinto 2 a 1 e il suo centesimo gol rossonero nel 4 a 1 contro l’Udinese.

Il 5 Marzo del 2008, Raùl mette in discussione il primato di Super Pippo, segnando il suo 63esimo gol europeo, ma il 23 Ottobre Inzaghi torna in cima alla classifica, segnando il 100esimo gol del Milan in Coppa Uefa.

Il 15 Marzo dell’anno successivo, alla fine del 5 a 1 contro il Siena, Filippo Inzaghi festeggia mostrando una maglia rossonera che porta il numero 300: con 272 reti nelle competizioni per club e 28 in nazionale, Super Pippo vanta 300 gol in carriera.

La favola non ha ancora termine: Raul supera il record europeo di Inzaghi prima di essere nuovamente superato dal milanista con una doppietta segnata nel 2 a 2 proprio contro il Real Madrid, storica squadra di Raul. A 37 anni e 85 giorni, Filippo Inzaghi è il più anziano giocatore a segnare in Champions, superando Javier Zanetti. Solo Ryan Giggs segnerà poi una rete, ancora più avanti negli anni.

Sarà di nuovo superato da Raul nella classifica gol delle competizioni Uefa mentre è a terra per una nuova lesione al legamento crociato procuratasi sul campo.

L’11 Maggio del 2012, dopo 11 anni di Milan, Filippo Inzaghi lascia San Siro nella sua partita numero 300 in maglia rossonera, partita in cui segna la sua centocinquantaseiesima rete col Diavolo, valida per il 2 a 1 finale. Quel giorno Super Pippo ascende nell’Olimpo dei Grandi del Milan: a 38 anni, 9 mesi e 4 giorni, è il più anziano ad aver vestito la maglia, dopo Billy Costacurta, Paolo Maldini e Enrico Albertosi.

Con le sue 57 presenze e 25 reti in competizioni ufficiali, Filippo Inzaghi è il sesto marcatore della Nazionale Italiana di Calcio.

Oggi, da allenatore, dopo aver portato la Primavera rossonera alla vittoria del torneo di Viareggio nel 2014, ha esordito nelle panchine di Serie A proprio col Milan, portando a termine una stagione travagliata. Il suo compleanno lo festeggerà con il Venezia, adesso tornato grazie a lui in Serie B. Noi non possiamo che fargli i nostri auguri migliori.
Buon compleanno Super Pippo!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy