Bertolacci: “Gli infortuni mi hanno condizionato”

Bertolacci: “Gli infortuni mi hanno condizionato”

Il centrocampista rossonero racconta i progetti per la prossima stagione: “Rivedrete il vero Andrea”

MILANO – Andrea Bertolacci non ha vissuto di certo la sua stagione migliore e punta a rifarsi nella prossima sotto la guida di Montella. Il centrocampista ha parlato dei suoi progetti e dei suoi obiettivi alla Gazzetta dello Sport: “Da cosa ripartire? Dalla conoscenza dell’ambiente. Io per carattere quando arrivo in una realtà nuova ci entro in punta di piedi. Sono una persona timida e riservata, con un grande rispetto di base. Ora so cosa vuol dire essere al Milan e questo sarà un mio punto di forza. Credo di essere una persona equilibrata: cerco di essere da esempio per gli altri e allo stesso tempo di prendere spunto dai compagni per migliorare”.

“Deluso? Certamente. È stata una stagione particolare e la premessa è che non ho, e non cerco alibi. Non è nella mia natura. Una cosa però vorrei dirla, perché è giusto fare un’analisi completa. Ogni volta che stavo per rimettermi in carreggiata e tornare il vero Andrea, mi sono fatto male. Gli infortuni mi hanno condizionato. Ecco, vorrei dire che non si tratta di una giustificazione, ma quantomeno di una spiegazione al mio rendimento al di sotto delle attese. Comunque non mi sento una vittima, anche perché sono una persona autocritica che si assume le responsabilità”. L’ex Genoa ha fiducia nei propri mezzi ed è certo di poter dimostrare il suo valore anche al Milan: “Il vero Bertolacci è quello che sa fare bene entrambe le fasi, si sacrifica, fa gol e assist. Come è successo all’ultimo anno al Genoa: 6 reti e 8 assist, la mia miglior stagione. Sarebbero numeri ottimi come obiettivo per il prossimo campionato. Non sono un attaccante, ma lo dico senza problemi: il gol mi manca, ne ho sempre fatti. Essermi fermato a uno non va assolutamente bene. Mi avete visto a sprazzi, ho giocato al 50% delle mie possibilità e se qualcuno dice che non ho personalità rispondo che la cosa non mi tocca e se sono al Milan non può essere casuale. Mai pensato di trasferirmi: troppo facile mollare, io da sconfitto non me ne vado. Voglio fare bene col Milan e riprendermi la Nazionale, l’altro mio grande obiettivo. Non chiedo altro che lavorare e ricominciare a dimostrare quanto valgo”.

“Montella? Con lui mi sento parte di una filosofia tattica che mi rispecchia bene e che può farmi rendere al massimo. Non parlo così perché adesso è il mio allenatore, ma ha le caratteristiche migliori per la mia crescita. Lui ama giocare a pallone, il possesso palla, il palleggio. È un calcio molto affine a quello che intendo io. Ben vengano le sue sgridate quando sbagliamo un passaggio in allenamento: con la palla fra i piedi non ci perdona nulla, perché ci vuole abituare a essere lucidi anche quando siamo stanchi. Comunque i suoi allenamenti, essendoci tanto pallone, sono stimolanti, mi sto divertendo molto”Intanto il Milan è anche vicinissimo a un altro colpo…

LEGGI ANCHE MILAN IL CALENDARIO IMPOSSIBILE

LEGGI ANCHE OFFERTA DEL NAPOLI PER BACCA

LEGGI ANCHE LE DICHIARAZIONI DI MONTOLIVO

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy