Mihajlovic: “Ero disposto ad allenare la Roma. Lazio? Non mi ha mai chiamato”

Parla l’allenatore serbo

di Redazione Il Milanista
Mihajlovic ha lasciato la panchina del Bologna per combattere la malattia

MILANO – Dopo esser stato accostato con insistenza alla panchina della Roma, Sinisa Mihajlovic ha deciso di rimanere sulla panchina del Bologna. L’allenatore serbo ha voluto spiegare, ai microfoni di Sky Sport, i motivi che lo hanno spinto a rifiutare la proposta del club giallorosso.

LE SUE PAROLE – “Sono stato molto vicino alla Roma, poi ho capito che dal punto di vista ambientale loro non erano pronti per fare certe cose. Io sì, ma loro no. Se devo andare a fare la guerra da solo, lo faccio ma all’aperto. Ho deciso io di non andarci e ho ringraziato per la proposta. Se sono mai stato vicino alla Lazio? Mai stato contattato, nemmeno una volta. Sono 12 anni che alleno, ho cambiato 7-8 squadre e in passato ci son state squadre come la Juventus 5 anni fa, come la Roma, come il Napoli, ma la Lazio non mi ha mai chiamato. Mi sembra strano che vada bene per tutti, ma non per la Lazio, però i motivi vanno chiesti a chi lavora in società. Poi, magari, non ci saremmo comunque messi d’accordo. Mi dispiace quando vengo definito traditore quando ci sono situazioni in ballo come quella con la Roma, perché io lavoro e non posso vivere di aria. Sono professionista e sarebbe stata una bella esperienza”.

CLICCA QUI >Intanto, che colpo di Maldini: 45 milioni e si chiude subito!

Un milanista vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!
Segui il Milan ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy