IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Verso il nuovo stadio: gli aggiornamenti e il nuovo incontro in agenda

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

Le ultime novità sul nuovo stadio di Milano che Milan e Inter vogliono costruire per dare nuovo lustro alle squadre a alla città.

Redazione Il Milanista

Secondo La Gazzetta dello Sport in edicola stamattina, questa potrebbe essere una giornata importante per il nuovo stadio che Milan e Inter vogliono costruire insieme: oggi è infatti in programma l'attesissimo incontro tra il sindaco di Milano appena rieletto, Giuseppe Sala, e i rappresentanti dei due club. L'obiettivo di questo nuovo meeting è molto semplice: accelerare i tempi in vista della costruzione del nuovo impianto.

IL MOTIVO DELL'INCONTRO - Oggi i vertici dei due club, PaoloScaroni e AlessandroAntonello tratteranno in particolar modo un probabile contributo straordinario alle due squadre per riconnettere il progetto del nuovo stadio con il resto del quartiere. Se così fosse, difficile evitare un nuovo braccio di ferro, o quanto meno l’inizio di una nuova, lunga e complessa trattativa.

 Tifosi rossoneri

SCARONI PENSA ALLA POSA DELLA PRIMA PIETRA - I club premono sul pedale dell’acceleratore, soprattutto Scaroni che non più di un mese fa si è augurato che la prima pietra del nuovo stadio venga posata entro il 2022. Entro la fine del mese i due club sceglieranno il progetto vincitore tra la Cattedrale e gli Anelli, con i bookmaker che danno in vantaggio Populous che non a caso ha da poco aperto il suo ufficio a Milano, precisamente in Via Mazzini.

LA POSIZIONE DEL COMUNE DI MILANO -Il neoassessore all’Urbanistica, Giancarlo Tancredi: «Se e quando ci sarà una decisione che al momento non c’è ci aspettiamo un progetto di altissimo livello. Ad oggi c’è uno studio, non un progetto. Mi interessa una visione complessiva e la riqualificazione di una zona dove ci sono molte realtà diverse tra loro». Lo dice ancora più chiaramente il capogruppo del Pd, Filippo Barberis: «Andiamo avanti, forti del lavoro serio fatto negli ultimi due anni e con la stella polare della ricaduta positiva sul quartiere e sulla città perché è questo l’interesse pubblico che dobbiamo garantire. Al centro della nostra attenzione ci sono i servizi per il quartiere, la riqualificazione delle case popolari, i trasporti».