IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

TOP E FLOP | Chi sale e chi scende nel Milan dalla sfida al Torino

Saelemaekers e Giroud dopo il gol segnato.

Il top e il flop del match di San Siro fra il Milan di Stefano Pioli e il Torino di Ivan Juric, valido per la 10' giornata di Serie A.

Redazione Il Milanista

Ieri sera allo Stadio San Siro di Milano è andata in scena la decima giornata di campionato. A confrontarsi il Milan di Stefano Pioli e il Torino di Ivan Juric. Questo il top e il flop rossonero del match di San Siro.

TOP - Il top di giornata rossonera è senza dubbio OlivierGiroud. Il calciatore francese ex Chelsea si dimostra ancora una volta cecchino infallibile in area di rigore.  I 35 anni compiuti da poco non giocano a favore del francese per quanto riguarda la ripresa rapida dagli acciacchi, ma l'attaccante ex Chelsea ha ribadito per l'ennesima volta di non aver perso la sua vena realizzativa.

Il suo gol nel primo tempo può apparire semplice ad una prima visione, ma non è mai facile farsi trovare volontariamente al posto giusto nel momento giusto. Giroud segue infatti con gli occhi la traiettoria del pallone e si indirizza verso il secondo palo già prima che Krunic facesse quella sponda che gli sarebbe poi giunta, perfetta, sul piede destro. Per il resto difende, lotta e pressa come avesse 20 anni di meno. Lasciamoglielo, con gioia, credere!

 Rafael Leo in azione.

FLOP - Flop di giornata, strano a dirsi ultimamente, Rafael Leao. Se ora si vanno ad analizzare numeri e prestazioni emerge un dato: Leao si è definitivamente preso il Milan, di cui è capocannoniere (con 4 reti). Un calciatore per cui il Milan due anni fa ha investito 23 milioni di euro e che ora sta dando i primi segnali di continuità, insieme a Tonali.

Ieri però non ha dato il meglio di se. Un pò spento per larga parte della partita, in cui troppe volte sono mancate le sue avanzate poderose e, quando ci sono state, spesso non si sono concretizzate in evidenti occasioni pericolose. Ma non c'è da disperare. Sono moenti che fanno parte del percorso di crescita e Rafael quest'anno ha già dimostrato di aver pienamente intrapreso la via giusta.