IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Stoichkov: “Il Mondiale ha bisogno dell’Italia di Mancini”

Roberto Mancini con Niccolò Zaniolo

L'ex Pallone d'Oro Hristo Stoichkov ha parlato delle qualificazioni ai prossimi Mondiali ma non solo.

Redazione Il Milanista

Hristo Stoichkov, presente tra la giuria per il Golden Boy 2021, ha parlato in esclusiva ai microfoni di Tuttosport. L'ex Pallone d'Oro ha detto: "Il vincitore di questo premio dovrà essere orgoglioso perché gli è stato dato da leggende e grandi manager del calcio. L'Italia ai playoff? E' il calcio. Mancini ha svolto un gran lavoro e mi aspetto la qualificazione al Mondiale, che ha bisogno dell'Italia".

Sulla sua stagione italiana a Parma

"Tante amicizie, che è la cosa più importante. Lo scorso mese ero a Parma e siamo andati a mangiare tutti insieme: eravamo un gran gruppo. Buffon? Ero in campo nel 1995 quando debuttò giovanissimo e l'ho rivisto allenarsi la settimana scorsa. Ha mantenuto la stessa mentalità di allora e lo stesso spirito. Ecco perché anche a 43 anni è uno dei migliori portieri al mondo. Campioni come Buffon o Ibrahimovic sono la dimostrazione di quanto sia importante lavorare bene, curarsi ed essere professionisti".

Anche Mario Sconcerti ha parlato di Nazionale

"Squadre che prima erano di seconda linea, come Austria, Serbia, Polonia, Norvegia, Finlandia, Svezia, sono cresciute perché non è cresciuto il loro campionato ma i loro migliori giocatori sono tutti all'estero e tornano a casa scolarizzati, migliorati. Non solo non abbiamo giocatori all'estero, se non pochissimi, ma abbiamo tanti stranieri. E' un handicap doppio. Mancini non fa selezioni, ma convoca tutti i possibili. Lo straniero costa meno degli italiani, questo è il punto. Sono dodici anni che non vinciamo a livello europeo. Proprio l'Europeo è stata un'eccezione. Saltare un Mondiale? Può succedere. Abbiamo tre giocatori su dieci che giocano in campionato. E ci mancano campioni, giocatori di qualità. E non si riesce a capire perché. Forse sono sbagliati gli insegnanti". Queste le parole della voce nota del giornalismo italiano Mario Sconcerti nel corso di Maracanà su Tutto Mercato Web Radio.