IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Sconcerti: “Milan, sei un miracolo. Ora anche l’Inter è lontana”

Sconcerti

Le parole, sulle colonne del Corriere della Sera, del giornalista Mario Sconcerti, a proposito di Milan e della grande rimonta sul Verona.

Redazione Il Milanista

Numeri alla mano, quella del Milan è la migliore partenza di sempre da quando esistono i tre punti, ovvero dalla stagione 1994-1995 (in precedenza ogni vittoria ne valeva due). Nemmeno nell'anno dell'ultimo scudetto conquistato con lo 0-0 dell'Olimpico contro la Roma il 7 maggio 2011, poco più di 10 anni fa, i rossoneri avevano accumulato 22 punti dopo 8 giornate. La cosa più bella è che questo Milan di Stefano Pioli, al momento e da diverso tempo si è slegato dal concetto di "sorpresa", diventando normalità, abitudine. E di questo passo non si può che migliorare.

Proprio di Milan ha parlato Mario Sconcerti, sulle colonne del Corriere della Sera, commentando così la rimonta del Milan contro il Verona: "Il Milan prosegue il piccolo miracolo della sua classifica anche quando è confuso e senza alcuni titolari importanti. Nel primo tempo ha subìto il Verona in modo imbarazzante, nel secondo poteva segnare sei gol. Credo che a cambiare la notte siano state la lucidità di Pioli e quella calma da filosofo greco che Aristotele chiamava poietica, cioè creatività naturale.

 Franck Kessie

La ricostruzione è cominciata spostando Calabria in mezzo e giocando a uomo in difesa con Tomori su Caprari, che, detto tra noi, è da tempo uno dei migliori fantasisti italiani. Poi ha sostituito Rebic (infortunato) con Leao che non aveva avuto mai motivo di lasciare campo a Maldini. Quindi ha dato corsa con Krunic e Castillejo. Giroud non ha visto palla fino al minuto 58, ma questo non ha importanza dal momento che in quel minuto ha segnato. Il Milan ridisegnato, corretto nel suo disordine, ha messo in campo una voglia di vincere poche altre volte vista a San Siro. La squadra ha dato tutto perché crede in questa stagione, Pioli le ha dato la differenza che stavolta non riusciva ad avere. È un risultato eccellente perché mette l’Inter lontana e scoraggia i nuovi ingressi".