IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Quando saper aspettare fa la differenza: Tonali ora è imprescindibile

Sandro Tonali, centrocampista rossonero.

Sandro Tonali ora è un punto di riferimento per il Milan di Stefano Pioli. Alla fine della scorsa stagione era sulla graticola.

Redazione Il Milanista

La storia di Sandro Tonali racconta che alla fine della scorsa stagione poteva essere addio tra lui e il Milan. Il giovane centrocampista classe 2000 è ora alla sua seconda stagione in rossonero. L'anno scorso la sua esperienza al Milan non era partita nel migliore dei modi. Prestazioni non del tutto convincenti avevano indotto la società di via Aldo Rossi a mettere in dubbio il suo riscatto dal Brescia. Riscatto che poi fortunatamente è arrivato.

L'anno scorso era partito in sordina

La scorsa stagione era la sua seconda in Serie A dopo la prima con la maglia del Brescia. Con la casacca delle rondinelle convinse tutti e tutti gli addetti ai lavori rimasero sbigottiti dalle sue qualità. Qualità che erano emerse però in una squadra neopromossa che alla fine della stagione tornò in Serie B. Il Milan lo comprò con la speranza di avere subito il massimo da lui. Invece per tutta la scorsa stagione Bennacer e Kessie gli hanno fatto vedere il campo con il conta gocce.

Quest'anno è tutto un altro Sandro Tonali

La stagione in corso ci ha invece consegnato un Sandro Tonali rigenerato. Ora è lui il titolare indiscusso con Franck Kessie e Ismael Bennacer che si danno il cambio al suo fianco. Ricordiamo che Sandro Tonali è un classe 2000. Lui è presente e futuro del Milan e della Nazionale italiana. Se le premesse sono queste, il commissario tecnico dell'Italia Roberto Mancini può stare tranquillo perchè il mediano bresciano sta ora dimostrando di essere maturo sotto tutti gli aspetti oltre che di avere delle qualità da giocatore top. Tonali è un'altra scommessa vinta da Paolo Maldini che il pochi anni sta riportando il Milan dove gli compete con operazioni non di certo eclatanti sulla carta ma che poi in pratica si rivelano delle grandi operazioni di mercato.