IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Milan, Pellegatti: “Ibra al Napoli avrebbe potuto vincere lo scudetto”

Calciomercato Milan, Pellegatti: "La settimana delle occasioni"

Il giornalista ha parlato del Milan e del mancato approdo in azzurro di Ibrahimovic. Ecco le sue dichiarazioni.

Redazione Il Milanista

Per la conquista dello scudetto è scontro a due tra Napoli e Milan. I partenopei si trovano in solitaria al primo posto in classifica, con 35 punti. Seguono i rossoneri, fermi al secondo posto con 32 punti. Gli uomini di Pioli si sono dovuti fermare a causa delle due sconfitte in campionato, prima con la Fiorentina e poi con il Sassuolo. Nelle ultime giornate è tornata a farsi sentire anche l’Inter, a una sola lunghezza dai cugini. È ancora presto per decretare con certezza chi sarà il club che vincerà lo scudetto. L’unica certezza è che le squadre tenteranno fino alla fine di avere la meglio sugli avversari.

Proprio dell’avversaria per la lotta scudetto si è parlato oggi a Radio Kiss Kiss Napoli. Durante Radio Goal ha preso la parola il giornalista Carlo Pellegatti. All’emittente ufficiale del club partenopeo ha parlato della sfida di questa sera tra Genoa e Milan. Sui rossoneri ha dichiarato: “C’è tanta attesa per la sfida di stasera contro il Genoa di Shevchenko, grande ex rossonero. Se il Milan gioca da Milan non penso che avrà problemi contro la formazione ligure. La sconfitta contro la Fiorentina non mi aveva preoccupato, la definii casuale, mentre quella contro il Sassuolo mi ha fatto riflettere. Stasera Pioli dovrà far capire se la sconfitta contro i neroverdì è stata una banale casualità o meno".

Il giornalista ha poi commentato l'intervista rilasciata da Ibrahimovic, in cui ha raccontato di essere stato vicino ai partenopei. Lo svedese sarebbe potuto arrivare a Napoli durante l’era Ancelotti. A tal proposito Pellegatti afferma: "Il Napoli di Ancelotti con Zlatan Ibrahimovic avrebbe avuto più chance di vincere lo scudetto rispetto a quando è arrivato al Milan. Ricordo che a gennaio 2020, infatti, i rossoneri vivevano un periodo difficile, di costruzione. Ibra fu uno dei protagonisti principali di questa costruzione".