Paolo Condò: “Gattuso allenatore in crescita. Normale che paghi dazio con le vecchie volpi”

Ecco le parole del giornalista

di Redazione Il Milanista

MILANO – Paolo Condò, dalle colonne de “La Gazzetta dello Sport“, si è espresso così sul Milan e sul tecnico rossonero: Gennaro Gattuso:

“L’ondata di pessimismo che ha investito il Milan dopo due sconfitte trova in Rino Gattuso il più scontato dei bersagli: è inesperto, non ha il carisma e le conoscenze dei grandi, non è da Milan. La bocciatura immanente, però, si scontra con cifre che raccontano una realtà diversa: da quando lo guida Gattuso il Milan ha fatto 95 punti, terzo nella classifica del lungo segmento dopo le distantissime Juve e Napoli, ma 3 scalini sopra la Roma, 6 su Inter e Atalanta, 7 sulla Lazio. Certo, Gattuso è un allenatore in crescita, e di fronte alle vecchie volpi può ancora pagare dazio: Spalletti nel derby l’ha messo nel sacco. Ma la stessa prospettiva del Milan è di una crescita paziente, la nuova proprietà non può investire quanto vorrebbe. Sarebbe sensato scritturare un mostro sacro – come voleva fare Galliani con Ancelotti tre anni fa – senza potergli mettere a disposizione il meglio? Non è un piano più astuto far crescere assieme allenatore e squadra?”.  Intanto, non rischia solo Gattuso: senza Champions partono in 5 > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy