IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Milan, Pancaro: “Scudetto premio alla meritocrazia, Maldini da esempio”

Le parole di Giuseppe Pancaro, ex difensore rossonero, sul momento che sta vivendo il Milan con il lavoro di Paolo Maldini.

Redazione Il Milanista

La partita dell'Olimpico contro i biancocelesti di Sarri è una vittoria fondamentale per i rossoneri. Tre punti che psicologicamente valgono il doppio per la pressione e per la posta in palio. Un doppio ex della sfida, Giuseppe Pancaro era passato a salutare la squadra rossonera in hotel, cogliendo l'occasione per salutare un vecchio compagno di squadra, Paolo Maldini. Si è espresso pubblicamente, tessendo le lodi del lavoro svolto dal direttore tecnico dei rossoneri. Queste le sue parole sul percorso intrapreso dal Milan:

LAVORO DI MALDINI E LOTTA SCUDETTO - "Se il Milan vincesse lo scudetto sarebbe il coronamento di un lavoro straordinario che Pioli, Maldini e Massara stanno portando avanti da due anni. Credo che il calcio italiano abbia bisogno di dirigenti dello spessore di Paolo Maldini. Pur non avendo la disponibilità economica dei nerazzurri o dei bianconeri, il Milan ha colmato il gap con le altre squadre e se la sta giocando ad armi pari. Lo scudetto sarebbe un premio alla meritocrazia. La dirigenza è stata competente, ha scovato in giro per l'Europa tanti giocatori promettenti e interessanti, forti e di prospettiva. Paolo ha dimostrato di essere un grande conoscitore di calcio, specialmente per quanto riguarda i difensori centrali. Se c'è un dirigente in grado di individuare un giocatore forte in quel ruolo è lui. Non mi permetto di dargli nessun suggerimento, sono contento del lavoro che sta facendo". 

KALULU - "Nella sfida contro i biancocelesti mi sono piaciuti molto sia Tomori che Kalulu. Quest'ultimo ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi mesi e oggi è un titolare forte e sicuro. Uno tra i più forti che ci sono nel nostro campionato. Bisogna dare i meriti a chi è andato a prenderlo nel momento in cui nessuno lo conosceva a cifre accessibili". 

LEAO -"Leao è un fuoriclasse, uno dei più forti nel suo ruolo in Europa. Deve solo migliorare nella scelta dell'ultimo passaggio, il giorno in cui farà questo step sarà un giocatore devastante".

RITIRO O RINNOVO IBRAHIMOVIC - "Penso che Ibrahimovic abbia tantissimi meriti nella crescita di questo Milan. Ha portato personalità e mentalità. Nella sfida contro i biancocelesti lo ha dimostrato ancora, ha servito l'assist decisivo per il gol di Tonali. La sua assenza nell'ultimo periodo è pesata molto. Un calciatore così può decidere da solo il proprio futuro, se vuole smettere o meno può deciderlo solo lui".