IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Nuovo stadio, le milanesi vogliono accelerare: spuntano tre alternative

Stadio San Siro

Ancora non viene presa una decisione definitiva sul nuovo stadio di Milano, perciò le due società si guardano intorno.

Redazione Il Milanista

Da mesi ormai si dibatte circa la questione del nuovo stadio di Milano. I due club della città stanno perdendo la pazienza, perché ancora non viene presa una decisione definitiva. Nelle ultime ore è emersa l’indiscrezione che il nuovo stadio di Inter e Milan potrebbe sorgere fuori dalla città di Milano. Infatti costruire il nuovo edificio nel quartiere di San Siro sembra davvero difficile. La speranza delle due società rimane, ma col passare del tempo aumenta anche la frustrazione. I due club sperano di arrivare presto a una conclusione, ma iniziano ovviamente a guardarsi intorno alla ricerca di una soluzione.

Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, i rapporti tra i due club e il comune di Milano sono davvero ai minimi storici. Le due società per tal motivo avrebbero già individuato tre aree fuori dall’area comunale dove creare il nuovo impianto. Tutte e tre le zone sono raggiungibili con la metro o comunque lo diventeranno in futuro. La prima zona è Sesto San Giovanni, raggiungibile con la metro rossa. La seconda è San Donato, dotata del passante ferroviario e della metro gialla. Infine la terza zona è Segrate, che sarà collegata con la linea blu - che aprirà nel 2024.

La priorità dei due club resta perciò San Siro, ma se non si dovesse trovare un accordo sono pronte già delle alternative. Nell’ultimo periodo Inter e Milan hanno nominato un superconsulente, Giuseppe Bonomi, e sono stati fatti sopralluoghi e approfondimenti nelle tre aree. Nel frattempo le due società attendono un nuovo incontro con il sindaco di Milano Beppe Sala, rientrato da poco dall’Olimpiade invernale di Pechino. Svanisce anche la possibilità di utilizzare il nuovo stadio per accogliere la cerimonia inaugurale dei Giochi di Milano e Cortina, perché il nuovo impianto non sarà pronto prima del 2027.