IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Novellino: “Lo scudetto lo vince il Milan. Ecco cosa ha in più Pioli…”

Walter Novellino, ex allenatore del Napoli ed ex giocatore del Milan

Le parole di Walter Novellino su alcune situazioni inerenti al mondo rossonero, che vedono protagonisti Pioli e Ibra.

Redazione Il Milanista

Walter Novellino, ex calciatore fra le altre anche del Milan fra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, è intervenuto ai microfoni di MilanNews per parlare di diversi temi legati al mondo rossonero.

SULL'AVVIO DI STAGIONE DEL MILAN - “L’avvio di stagione è positivo e bisogna fare i complimenti a tutti, non solo per quest’anno ma anche per l’anno scorso. Aldilà delle difficoltà avute a causa della pandemia, il Milan è la squadra che a me piace di più in questo momento. Con tutti i giovani che ha, i rossoneri hanno davanti a loro un futuro importante, ma anche il presente è importante.

SU IBRAHIMOVIC, UOMO SQUADRA - “L’uomo in più di questa squadra, è la squadra stessa, costruita e fortificata da un grande allenatore come Stefano Pioli, aiutato ovviamente anche dal suo staff. I buoni risultati che il Milan sta ottenendo partono dalla società, da Paolo Maldini. L’unico dispiacere mio è per Zvonimir Boban perché secondo me ha lavorato bene e la proprietà doveva avere più pazienza con lui”.

 L'esultanza di Zlatan Ibrahimovic dopo il gol contro la Roma

SU PIOLI - “La mentalità. Pioli è cresciuto sia lui in prima persona che la squadra che allena, in questo caso il Milan. Traspare proprio un senso di tranquillità, lo conosco di persona ed è bravo sotto l’aspetto umano. Credo che questo suo modo di porsi alla squadra sia fondamentale anche perché rende tutti partecipi nel progetto ed è determinato nell’ottenere risultati. Anche la comunicazione che lui ha è fondamentale.

SULLA LOTTA SCUDETTO - “Per me il Milan lo vince il campionato, io sono di questa idea. Il Napoli sta facendo grandi cose, ma in questo momento, toccando ferro, il Milan se lo merita più di tutte. Ecco in Champions League invece è mancata un po’ d’esperienza con anche qualche infortunio di troppo che ha condizionato l’andamento. È mancato un po’ Ibrahimovic in quelle partite.