IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Bergomi entusiasta: “Tomori ha dei numeri impressionanti”

Fikayo Tomori a contrasto.

Alla vigilia del derby milanese tra nerazzurri e rossoneri arrivano delle dichiarazioni su uno dei probabili protagonisti del match

Redazione Il Milanista

Domani alle ore 20.45 andrà di scena allo stadio San Siro di Milano la sentitissima sfida tra le due squadre milanesi. I rossoneri di Stefano Pioli sfideranno i nerazzurri di Simone Inzaghi nell'attesissimo derby della madonnina. Le due sono squadre entrambe in un momento positivo parlando solo ed esclusivamente di Serie A. i nerazzurri dovranno però cercare di ridurre la distanza che li separa dal Milan e dal Napoli le quali sono in testa alla classifica e hanno già fatto il solco.

Un noto giornalista ha parlato di uno dei probabili protagonisti

Il noto giornalista per Sky Sport Beppe Bergomi ha parlato della sfida di domani tra i rossoneri e in nerazzurri e si è soffermato in particolare su uno dei protagonisti: Fikayo Tomori. Il noto commentatore ha parlato del difensore centrale rossonero ex Chelsea e ha osannato le sue prestazioni.

Le parole di Beppe Bergomi

“Fikayo Tomori è un difensore che in questa stagione ha dei numeri impressionanti. Per me gioca meglio quando accanto ha Simon Kjaer, perché il danese è un leader con grande esperienza. Quando giocano insieme sono la migliore coppia difensiva del Milan”. Queste le parole di Beppe Bergomi su Fikayo Tomori, difensore centrale del Milan e della Nazionale inglese.

Tomori non è stato convocato dall'Inghilterra

A destare scalpore è stata la non convocazione del centrale inglese da parte della propria Nazionale. Fikayo Tomori sta offrendo delle prestazioni molto positive con la maglia rossonera indosso. Ci si chiede come mai Gareth Southgate non gli abbia concesso una chance di mettersi in mostra anche con la Nazionale inglese visto il suo apporto alla causa rossonera. Quel che è certo è che vista la sua giovane età Fikayo Tomori avrà sicuramente altre chance per essere chiamato. Anche in vista dei Mondiali in Qatar nel 2022 nulla è ancora perduto.