IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Milan più forte della sfortuna: perchè si deve credere in questa squadra

Castillejo dopo il gol segnato al Verona.

Le parole di alcuni addetti al settore su questo fantastico e costante Milan di Stefano Pioli.

Redazione Il Milanista

Il Milan ha dimostrato forza, costanza e unità di intenti. Questo il parere di due illustri opinionisti che hanno ben chiaro che in questa squadra, a lungo termine, si può davvero credere.

IL PARERE DI PADOVAN, PIU' FORTI DELLA SFORTUNA - Giancarlo Padovan, intervenuto a Sky Sport 24, ha commentato così la vittoria del Milan contro l'Hellas Verona di ieri sera: "La partita di ieri si era messa male, la si poteva rimettere a posto solo giocando da squadra. Sono state premiate le scelte di Pioli: non quelle del primo tempo ma quelle della ripresa. Secondo me sia Castillejo che Leao sono stati determinanti, non so chi dei due di più; entrambi hanno dato una grande spinta per il recupero. Il Milan è più forte della sfortuna, è più forte degli infortuni, è più forte delle mancanze. Viene da pensare che una volta recuperati tutti gli elementi, ieri non c’erano Brahim, Theo e Maignan, potrebbe sprigionare una velocità di crociera tale da staccare anche il Napoli. Mi pare che la giornata di ieri se è dato un’indicazione è che il Milan è squadra, fa piccoli passi come vuole Pioli ma pensa in grande ed è la prima e per ora unica alternativa al Napoli”.

 Il Milan esulta sotto la curva.

TIRIBOCCHI E IL RECORD DI SEMPRE - L'ex giocatore Simone Tiribocchi, oggi opinionista, ha parlato a DAZN della vittoria in rimonta del Milan sul Verona per 3-2. Queste le sue dichiarazioni: "Questo Milan ha fatto il record di punti per l’avvio in campionato, lo sottolineiamo perché secondo me è il gruppo che fa la differenza in questa squadra. È vero che mancavano tanti giocatori, ma chiunque entra poi sa quello che deve fare, fa la differenza e si mette a disposizione. Castillejo che sembrava partente oggi è stato tra i migliori in campo, quando entra ci mette il cuore. Il gruppo fa la differenza e poi c’è Pioli, che è il comandante.