Milan 2-0 Torino, le dichiarazioni di Pioli nel post partita

Tutte le parole del tecnico rossonero nel post Milan-Torino, sfida vinta 2 a 0 dai rossoneri.

di Redazione Il Milanista
Stefano Pioli, allenatore del Milan dal novembre 2019
Milan 2-0 Torino, le dichiarazioni di Pioli

MILANO – Tutte le parole del tecnico rossonero Stefano Pioli nel post Milan-Torino, sfida vinta 2 a 0 dai rossoneri.

DAZN

SU LEAO: “È un attaccante, può giocare anche a sinistra ma l’importante è che continui ad avere intensità. È stato dentro la partita, deve crescere ma non dimentichiamoci che è un ragazzo giovane. Nasce e credo che sia stato preso al suo tempo per giocare da seconda punta. Adesso sta diventando completo. Abbiamo tante possibilità. Calhanoglu e Diaz ci stanno dando tante possibilità. Poi potremo cambiare anche pelle, siamo aperti a tante possibilità”.

SULLA REAZIONE: “Devo dire che non sono stato sorpreso, mi aspettavo questa risposta. La squadra è giovane ma forte. Abbiamo giocato un primo tempo di altissimo livello, poi nel secondo tempo è stato normale gestire e soffrire un po’. Sono molto soddisfatto della prestazione dei ragazzi”.

SUGLI INFORTUNI: “Non sappiamo ancora niente su Diaz e Tonali. Mi auguro che non siano cose di lungo tempo. Non credo assolutamente che Leao fosse da ammonizione, mai vista un’ammonizione del genere a metà campo”.

SU KESSIE: “Franck sta diventando un giocatore che fa bene in tutte le fasi, ci dà tante cose. È una crescita continua e netta, è un punto di forza della squadra. Si vede. Ha una mentalità sempre molto positiva, è il primo ad aiutare. In campo sono comportamenti molto importanti soprattutto per una squadra giovane come la nostra che ha bisogno di certezze”.

Il rigore trasformato da Kessie contro il Torino
Il rigore trasformato da Kessie contro il Torino

SULLE RIVALI: “Oggi volevamo giocare bene e vincere la partita. Domattina ci alleniamo e poi ci godiamo la partita. Ci piace vedere le partite belle, sono squadre che giocano bene con due giocatori di qualità e due ottimi allenatori. Non è il momento di guardare la classifica. Nel calcio devi solamente pensare alla prossima gara. Ora torniamo in campo martedì e poi di nuovo testa al campionato”.

SU IBRAHIMOVIC: “La settimana l’abbiamo passata con una programmazione chiara, lui l’ha accettata. Se ieri avesse superato l’ultimo provino sarebbe stato disponibile per un piccolo pezzo. Adesso deve trovare una buona condizione, dobbiamo capire come gestirlo. Lui come sempre è molto disponibile e collaborativo, troveremo la soluzione migliore. Zlatan è troppo forte in tutto quello che fa, è di grande stimolo per tutti per lo spessore umano che ha messo a disposizione della squadra. Speriamo di trovarlo al più presto nella migliore condizione possibile”.

CONFERENZA STAMPA

SU IBRAHIMOVIC: “Molto importante, la squadra è stata brava a mantenere un certo livello di prestazione, dalla partita contro il Cagliarti avremo qualche scelta in più”.

SULLA REAZIONE DOPO LA JUVE: “Abbiamo perso contro una squadra molto forte, ma la prestazione nostra è stata importante. Dobbiamo essere sempre più determinati. Si ma ero sereno e fiducioso, sapevo che i ragazzi avrebbero metabolizzato gli errori e soprattutto nel primo tempo l’abbiamo fatto”.

SU TONALI: “Ha preso un brutto colpo e non riusciva a camminare, spero di averlo presto a disposizione”.

>>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy