IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Cuenca per il Milan: ma non è l’ex giocatore blaugrana

Paolo Maldini

Paolo Maldini è al lavoro per rafforzare la rosa rossonera. C'è un nome nuovo per il mercato dei rossoneri.

Redazione Il Milanista

Il direttore sportivo rossonero Paolo Maldini è molto attivo sul mercato. L'ex terzino rossonero è a sorpresa su nome nuovo. Si tratta di Hugo Cuenca. Il giocatore di nazionalità paraguaiana è un talentuoso centrocampista del Deportivo Capiatà e del Paraguay Under 16. Secondo le ultime indiscrezioni Paolo Maldini avrebbe chiesto informazioni sul giovanissimo mediano. La sua carta d'identità dice infatti che Cuenca è un classe 2005. Il Milan punta a ringiovanire la rosa, ma allo stesso tempo ad inserire dei giocatori forti e pronti. Cuenca sembra essere un profilo molto ambito e di conseguenza il Milan dovrà cercare di chiudere in fretta la trattativa se vorrà portarlo a Milano.

Intanto ha parlato Alessandro Florenzi

Il polivalente terzino rossonero ha parlato ai microfoni di Skrill dicendo: “Arrivando al Milan ho trovato il club organizzato molto bene. Sono stato trattato bene negli anni da tanti club organizzati, e il Milan è uno di questi. Il gruppo è solido, mi hanno accolto tutti nella squadra e mi sto divertendo molto. Perché ho scelto il Milan? Sono stato chiamato dal Milan ed ho scelto di venire qui perchè è stato il club che mi ha voluto di più”.

Sui campioni del passato

“Quando penso al Milan penso a tutti i campioni che sono passati da qui ed hanno indossato questa maglia. Sono stato fortunato ad incontrare e conoscere uno di loro, Paolo Maldini. È una leggenda di questo club, ha un aura simile a quella di Totti e De Rossi per la Roma. L'Europeo vinto? Vincere qualcosa con la tua nazionale è un’emozione indescrivibile. Abbiamo passato 50 giorni insieme, eravamo più di semplici compagni, si era creata una vera famiglia. Non è stato un viaggio semplice, soprattutto per me, ma abbiamo tutti lavorato per raggiungere un sogno”. Queste sono le parole di Alessandro Florenzi ai microfoni di Skrill.