IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

L’ex allenatore di Kalulu: “Che colpo per il Milan: non avevo dubbi su di lui”

PierrPierre Kalulu, difensore del Milan

Roger Martinez allenatore del Saint-Priest è stato il primo a credere sul potenziale di Kalulu. Ecco le sue parole a La Gazzetta dello Sport

Redazione Il Milanista

Cosa hanno in comune Pierre Kalulu, Cherki del Lione, Fekir del Betis Siviglia e Sarr del Bayern?  Tutti sono passati dal club di Saint-Priest, sobborgo alle porte di Lione, guidato dal 76enne Roger Martinez, il quale racconta i primi calci al pallone del rossonero: “Da bambini si gioca a 5 o a 7, il terzino non esiste, così lo mettevo dietro” e sottolinea a la rosea "Quando c’è da parlare di lui ci sono sempre".

Martinez ricorda: “Era venuto a vederlo giocare, e ovviamente aveva sempre la palla tra i piedi. Se ne stava in disparte a palleggiare, accanto alla rete del campo, così dissi a sua madre di portarlo a fare qualche partitella. Non so, ma avevo intuito qualcosa di speciale. Saranno stati gli occhi, la passione, chissà. Volevo vedere il livello. Abbiamo avuto tutti i fratelli Kalulu, anche Aldo, oggi a Sochaux. Il bello è che uno dopo l’altro sono finiti a Lione. Una soddisfazione”.

Su Pierre Kalulu: “Gli ho sempre dato pochi consigli, era già forte. Ne ho sempre apprezzato l’intelligenza e la capacità di imparare una cosa in tre secondi. Gli spiegavi un esercizio e lo ripeteva alla perfezione subito dopo”.

Kalulu vuol dire da sempre affidabilità: “Con lui in campo ho vinto molti tornei. Aveva già il senso del gioco, capiva subito se dare o meno la palla a un compagno. A 6-7 anni non è facile, vuoi sempre giocare il pallone o segnare. Lui non era così”.

Sul trasferimento al Milan di Kalulu: “Hanno fatto un bel colpo. E poi è un bravo ragazzo. Uno che non dimentica da dove viene. Pochi giorni dopo aver firmato con il Milan mi ha regalato la sua maglietta. Una dei miei gioiellini…

Sull'avventura in Ligue 1 -“Il Lione l’ha preso nel 2009, a nove anni. Da lì in poi ci siamo sempre sentiti. La sua è una famiglia straordinaria, lui una persona d’oro. Non ho mai avuto dubbi sul suo rendimento. Ripeto: che colpo