IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Magherini: “Milan-Fiorentina partita del cuore. Quante gioie in rossonero!”

Guido Magherini ha rilasciato un’intervista sul periodo del Milan, sulla gara di domenica e sul suo passato in rossonero.

Redazione Il Milanista

Guido Magherini ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Tuttomercatoweb.com sulla prossima sfida del Milan. Ecco le sue dichiarazioni: "Questa partita mi tocca il cuore, rappresenta tanto per me. Sono nato nel quartiere di San Frediano, ho la Fiorentina nel cuore mentre il Milan per me è la mamma e l'amante, lì mi sono trasferito a sedici anni. Ho giocato Milan-Fiorentina a San Siro nel '71-72: vincemmo 2-0 con due gol di Bigon, io entrai ad inizio secondo tempo".

Sulla sua più grande soddisfazione nel Milan: "Esordire è stata una gran soddisfazione, al pari di stare con grandi giocatori e imparare da loro che ti guidavano e all'epoca ti facevano capire come funzionava il mondo. Al Milan ho vinto due Coppe Italia, però è anche vero che ci scipparono tre scudetti... Nel '72 ad esempio contro la Juve finì 1-1 e l'arbitro Lo Bello la domenica sera ammise di aver sbagliato a non concederci un rigore. E perdemmo lo scudetto per un punto".

Sulla Fiorentina mai sfiorata in carriera: "Ero della Rondinella e all'epoca la Fiorentina faceva man bassa di giocatori in Toscana. I dirigenti del club viola pensavano quasi che i giocatori appartenessero a loro ma la Rondinella pretendeva tanti soldi e si scatenò un'asta a cui parteciparono Juve, Bologna, Roma e Milan. Fui ceduto a chi offriva di più e 12 milioni di lire a quel tempo erano davvero tanti. La Fiorentina pensava di prendermi ma la Rondinella aveva stabilito certe cifre".

Sulla sfida di domenica: "La Fiorentina ora, è inutile negarlo, sta avendo difficoltà dal punto di vista mentale. Il Milan invece non lo ritengo quella grande squadra che ammazza gli avversari. Ci vogliono le condizioni ideali per portare la partita sul suo terreno. È una gara aperta, se il Milan fa gol bene, sennò è un problema perché inizia a fare tanti passaggi e cross che non sempre danno frutti. Il Milan può avere superiorità in campo ma non ha profondità e se fa 0-0 è come perdere la partita".

Sul calo della Fiorentina: "Questi colpi che ha preso ultimamente se li porta dietro, tolgono sicurezza e non è facile ora andare ad affrontare il Milan, ma anche per i rossoneri non sarà semplice battere la Fiorentina. Oltretutto, ora ti giochi la vita, quando sei lì devi vincere, con le buone o con le cattive. Per quel che riguarda i viola l'assenza di Castrovilli ha voluto dire così come quella di Torreira, però al tempo stesso la squadra ha fatto bene e ad inizio campionato nessuno immaginava di vedere un'annata così positiva sotto tutti gli aspetti. Certo, però vuoi sempre di più. La Fiorentina oggi ha 56 punti e io dico che in estate tutti ci avrebbero messo la firma".