IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Cuoghi: “Milan, ora hai un’occasione unica! Attenzione agli esterni viola”

Stefano Cuoghi ha rilasciato un’intervista sulla prossima gara del Milan e sulla possibilità di vincere lo scudetto.

Redazione Il Milanista

Domenica pomeriggio il Milanaffronterà in casa la formazione viola per la 35esima giornata di Serie A. L’obiettivo degli uomini di Pioli è ottenere i tre punti così da poter allungare la distanza sui cugini nerazzurri, soprattutto dopo la sconfitta di quest’ultimi nel recupero contro il Bologna. Proprio di questo e della lotta finale per la conquista dello scudetto ha parlato Stefano Cuoghi ai microfoni di Tuttomercatoweb.com. Ecco le sue dichiarazioni:

Il Milan ha una grande occasione: "Il ko dell'Inter col Bologna ha dato grande energia ai rossoneri. Ora la formazione di Pioli deve affrontare la Fiorentina che è una buona squadra che però vive un momento di appannamento ed è reduce da due sconfitte pesanti, con Salernitana e Udinese. È una partita da temere per il Milan perchè i viola giocano aperti e se trovano gli esterni nella giornata giusta possono creare problemi. A livello difensivo invece ultimamente ha lasciato a desiderare. Per il Milan è un'occasione unica, deve fare dieci punti in quattro partite per vincere lo scudetto".

Se San Siro pieno domenica sarà un vantaggio o se può creare una forte pressione: "Se uno pensa che lo stadio pieno può essere un problema allora deve cambiare mestiere. Un calciatore quando pensa alla sua carriera sogna di giocare davanti a centomila spettatori, non pensa di giocare negli stadi vuoti per paura delle pressioni. Se giochi nel Milan o nell'Inter devi sapere che devi misurarti su certi palcoscenici".

Quali giocatori viola deve temere il Milan: "Come dicevo poco fa gli esterni, indipendentemente da chi gioca. Gonzalez, Ikonè e Sottil sono pericolosi, sono i punti di forza della squadra. Ma il Milan può farcela assolutamente a vincere".

Infine sul calendario dei rossoneri ha detto: "E' più difficile dell'Inter che però nessuno pensava perdesse col Bologna. Ci sono certamente gare impegnative ma ora bisogna guardare alla forza della squadra e al momento".