IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Bonetti: “Partenopei favoriti col Milan. Ai rossoneri manca Ibrahimovic”

Zlatan Ibrahimovic, sessione di allenamento.

L’ex difensore del Milan ha parlato del periodo dei rossoneri e dell’assenza pesantissima di Zlatan Ibrahimovic.

Redazione Il Milanista

Dopo il pareggio ottenuto nel derby di Coppa Italia, il Milandeve tornare a pensare al campionato. Domenica sera è in programma una partita tutto tranne che semplice. I rossoneri infatti sono chiamati ad affrontare in trasferta i partenopei, con i quali condividono il primo posto in classifica. Occasione d’oro per allungare sulla diretta avversaria, ma anche sui nerazzurri a soli due punti in meno. In occasione del big match della 28esima giornata di campionato, Tuttomercatoweb.com ha intervistato Dario Bonetti, ex difensore del Milan. Ecco le sue dichiarazioni:

Sull'analisi di Napoli-Milandi domenica: "E' una grande opportunità per entrambe. Il Milan sorprende perché è lì da 2 anni e nessuno si aspettava all'inizio che fosse lì. Ha qualità, entusiasmo, è imprevedibile. Sarà da giocare, ma essendo in casa il Napoli è favorito".

Sul problema del gol che manca tra i rossoneri: "Ibra ha una certa età, ma manca tanto. La scalata è iniziata con lui, ha grande importanza per tutta la squadra. Giroud è forte, ma ha caratteristiche diverse. Ibra infonde fiducia e aiuta la squadra a salire ed è anche assist-man. Giroud in ogni caso è un gran giocatore".

Sulla squadra favorita per la vittoria dello scudetto: "Difficile dirlo perché ci sono sorprese continue. Il calo dell'Inter non me lo aspettavo. Il Napoli ha avuto un periodo difficile con tanti infortuni, ma è una squadra guidata bene con un allenatore bravo ed esperto. Per qualità della rosa dico ancora Inter".

Se la Juve può pensare di vincere lo scudetto: "Tutte le squadre di quel livello sono obbligate a pensarci. È chiaro che il ritardo di 7 punti non è poco, ma con i tre punti si può anche colmare. Finché la matematica ti dà l'opportunità puoi crederci anche se comunque in effetti ha 3 squadre davanti".