news milan

Il fratello di Theo si salva dal carcere: “Evitato di distruggere la carriera”

Lucas Hernandez, difensore del Bayern Monaco

Mauricio González, l’avvocato di Lucas Hernández, ha voluto chiarire in un’intervista a Marca il caso del calciatore del Bayern, che ha rischiato di finire in carcere in settimana a causa di una violenza domestica commessa anni fa...

Redazione Il Milanista

Mauricio González, l'avvocato di Lucas Hernández, ha voluto chiarire in un'intervista a Marca il caso del calciatore del Bayern, che ha rischiato di finire in carcere in settimana a causa di una violenza domestica commessa anni fa nei confronti della moglie.

Due falsità: "La prima è che Lucas non ha scontato la pena inflitta. È falso perché la sua condanna di 31 giorni (servizi sociali) è stata scontata collaborando con un'associazione nel lontano 2017. La fedina penale è pulita. La seconda è che Lucas ha due condanne per violenza di genere: non è mai successo. È stato un episodio isolato accaduto quando aveva 21 anni, da allora è maturato e non è più successo".

 Lucas Hernandez difensore del Bayern Monaco

Mauricio González e una carriera praticamente salvata: "Il caso doveva essere esaminato con urgenza perché comportava una privazione della libertà per il mio assistito. Abbiamo dovuto sporgere denuncia presso il Consiglio Generale della Magistratura e davanti alla Corte Provinciale per risolvere ed evitare così un'ingiusta reclusione. Lucas sarebbe potuto finire in carcere e poi, sei mesi dopo, la Corte - come è avvenuto - si sarebbe pronunciata contro. Il passaggio in carcere avrebbe distrutto la carriera professionale di Lucas e anche la sua vita privata. Per questo motivo la sospensione della pena è stata giustificata in via d'urgenza dai tre magistrati della Sezione 26 del Tribunale provinciale un giorno prima dell'entrata in carcere decretata dal giudice”.

Gonzalez continua: "Non c'è responsabilità civile, non c'è una vittima come si è detto sui media perché sua moglie è stata il suo principale sostegno. Amelia non lo ha mai denunciato, lei ha chiesto l'assoluzione e per di più, nella comparizione del 18 ottobre ha chiesto alla Corte di applicare un criterio di prudenza in attesa della decisione della Corte Provinciale, ma non ha potuto nemmeno entrare in aula perché il Giudice non era d'accordo".