Gattuso: “Sono un professionista e sono onorato di essere qui. Lavoriamo male sulle catene”

Ecco le parole del tecnico

di Redazione Il Milanista

MILANO – Ai microfoni di Sky Sport è intervenuto il tecnico del Milan Gennaro Gattuso. Ecco le sue parole:

“Dobbiamo analizzare bene quello che non sta funzionando. Dopo il derby qualcosa ti rimane, dopo che passi in svantaggio dopo 3 minuti ma la squadra non ha mollato. Abbiamo fatto quello che dovevamo, nel primo tempo abbiamo sbagliato sempre a livello tecnico. Loro non hanno fatto grande pressione ma l’abbiamo regalata noi. Nel primo tempo potevamo fare dieci cambi di gioco ma non li abbiamo mai fatti. Bisogna guardare avanti e non darci le martellate da sole. I punti a disposizione sono ancora tante. Alle volte quando non arrivano i tre punti si è giudicati solo per il risultato, vedremo, dobbiamo preparare partita dopo partita. Non mi aspettavo che dalle mie parole in conferenza venisse fuori un macello. Io direi la stessa cosa. Sono un professionista e onorato di allenare questa grande società. A fine anno si parlerà, non capisco questo rumore. Sono concentrato e il primo a voler portare la squadra in Champions League. È normale che i dirigenti mi valutino. Sono sorpreso dalla reazione che c’è stata. Si parla sempre con i dipendenti, non riesco a capire perché è stato fatto così tanto rumore”

Sugli errori: “Quando si gioca la palla orizzontale, è di facile lettura. Tante volte, quando si gioca linea-linea per l’esterno è difficile. Penso che in questo momento non stiamo lavorando benissimo sulle catene. Per questo a livello tecnico non riusciamo a sviluppare in maniera corretta”

Sulle difficoltà: “Oggi Paquetà e Kessie non sono partiti titolari ed erano in Nazionale. Qualcosa perdi quando vai in Nazionale. La qualità si abbassa un po’”

Intanto, niente Napoli: arriva il sogno rossonero! > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy