IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Florenzi e Gabbia incontrano gli studenti di Garbagnate: ecco le loro parole

Alessandro Florenzi e Alexis Saelemaekers.

Questa mattina Florenzi e Gabbia hanno incontrato gli studenti dell’Istituto Superiore di Garbagnate. Ecco le loro parole.

Redazione Il Milanista

Settimana super fortunata per il Milan, che ha prima vinto il derby di Milano e poi la sfida contro i biancocelesti in Coppa Italia. I rossoneri stanno vivendo un periodo d’oro e sono vogliosi di combattere fino all’ultimo per la conquista dello scudetto. Il sogno degli uomini di Pioliè donare infatti una grande gioia ai propri tifosi, che manca ormai da tanti anni. Per raggiungere questo obiettivo ci sono però ancora molte gare da disputare e molto lavoro da effettuare.

Nel frattempo i giocatori rossoneri non perdono di vista le cose importanti. Proprio questa mattina Alessandro Florenzi e Matteo Gabbia hanno incontrato in diretta streaming da Milanello gli studenti dell'Istituto di Istruzione Superiore Bertrand Russell di Garbagnate Milanese. I temi trattati hanno riguardato lo sport, in primis il calcio, e poi ovviamente l’importanza dell’istruzione.

Il primo a prendere la parola è stato Alessandro Florenzi, che ha detto: "Come la scuola, il calcio mi ha insegnato a stare all’interno di un gruppo e ad avere sempre rispetto verso i compagni, verso l’allenatore e gli avversari, nella vittoria come anche nella sconfitta".

Successivamente Matteo Gabbia ha aggiunto: "È molto bello condividere lo spogliatoio con compagni di diverse nazionalità, perché si ha l’opportunità di scoprire tante abitudini differenti. Anche semplicemente nel mangiare o nel modo in cui si trascorre il tempo durante un viaggio. Si riesce sempre a fare gruppo e a creare armonia".

Infine i due hanno parlato del calcio femminile: "Ha avuto un’evoluzione fantastica nell’ultimo periodo e non ci sorprende, ma ci rende felici. Come non ci sorprende vedere una direttrice di gara arbitrare un match di calcio maschile: bisogna sempre guardare al merito e non al genere".