Dicono di M…ilan: le parole del 4 febbraio

Ecco cosa hanno detto sul Milan gli addetti ai lavori

di Redazione Il Milanista
Il pallone ufficiale della Serie A sul prato di San Siro

MILANO – Dicono di Milan, la rubrica che raccoglie le parole degli addetti ai lavori sul club rossonero

G. B. Olivero a Sky Sport 24 – “La parola fondamentale al Milan è organizzazione. Pioli ha fatto un grande lavoro, la sua squadra è molto organizzata. Anche quando ha perso contro la Juve, ha fatto un’ottima partita. Se fa bene anche con tante assenze è grazie all’organizzazione che Pioli ha dato alla sua squadra. Tutti sanno cosa fare in campo. L’assenza di Kjaer secondo me è stata più pensate rispetto ad altre“.

Fabiano Santacroce a  TMW Radio – “Sicuramente il Milan, non credevo potessero rimanere in alto per tutto questo tempo: mi immaginavo più scivoloni, soprattutto quando mancava Ibrahimovic. Invece hanno retto benissimo il colpo, hanno un entusiasmo pazzesco e giocano un bel calcio, veloce”.

Ernesto Paolillo a TMW Radio – “Sono onesto, mi piace molto l’Atalanta ma anche il Milan… Detto da un interista? Beh, è così. Se si parla di spettacolo, va detto. Quest’anno invece la Lazio mi piace un po’ meno per continuità“.
Milan News: Chiellini, difensore della Juventus
Milan News: Chiellini, difensore della Juventus
Matteo Marani a Sky Sport 24 – “Il Milan è stato eroico a resistere nelle 11 partite senza Ibrahimovic, vincendone ben otto. A differenza delle altre, oltre all’autostima e alla fiducia, l’elemento che ha in più la squadra rossonera è la velocità con cui riparte e con cui entra in area. Dietro ai tanti rigori a favori c’è sicuramente questo aspetto. Ora Pioli ha anche più alternative e sta recuperando tutti gli assenti. Il Milan ha grande fiducia, deve approfittare di queste due settimane“.
Giorgio Chiellini a So Foot –  “Il mio miglior nemico è sicuramente Ibrahimovic. Stimo molto Zlatan, ci rispettiamo ed eravamo compagni di squadra nella Juve. Non ho mai avuto paura di affrontarlo, mai fatto un passo indietro davanti a lui. Quando passò all’Inter divenne il nemico assoluto, poi semplice avversario al Milan o in Nazionale“.
Cristiano Biraghi a La Gazzetta dello Sport –Abbiamo un rapporto splendido. Lui cura tantissimo i rapporti umani. È evidente che il Milan sia un gruppo di amici dove spiccano delle individualità incredibili come Ibra”. >>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<
Cristiano Biraghi, esterno della Fiorentina
Cristiano Biraghi, esterno della Fiorentina
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy