Da Milanello, il report del 9 febbraio 2021: Spezia nel mirino

Le ultime notizie da Milanello: il report della sessione di allenamento di ieri.

di Redazione Il Milanista
Pioli a colloquio con i calciatori del Milan nel pre Bologna-Milan

MILANO Dopo la vittoria sul Crotone per 4 a 0, arrivata sabato grazie alle doppiette di Ibrahimovic e Kessie, il Milan ha iniziato a preparare il prossimo impegno di campionato che vedrà i rossoneri affrontare lo Spezia al “Picco” nel match valido per la 22esima giornata del campionato di Serie A.

Nello specifico, acmilan.com, sito ufficiale del Milan, ha riportato ciò che è successo ieri a Milanello: squadra al lavoro ieri mattina a Milanello, per iniziare la preparazione della prossima gara di campionato che vedrà i rossoneri di scena nella trasferta di La Spezia (sabato 13 febbraio alle 20.45). Presenti, per assistere all’allenamento, Paolo Maldini e Frederic Massara.

IL REPORT
Come di consueto la prima parte del lavoro è stata svolta in palestra per l’attivazione muscolare. Al termine, il gruppo è sceso in campo – il rialzato dietro gli spogliatoi – per una serie di esercitazioni tecniche utilizzando ostacoli bassi e sagome. Spazio poi al possesso palla e a un’ulteriore fase tecnica. Ha chiuso la seduta una partitella su campo ridotto.

Le parole di Hauge

Hauge si complimenta con Ibrahimovic dopo il goal al Cagliari
Hauge si complimenta con Ibrahimovic dopo il goal al Cagliari

Nella giornata di ieri, inoltre, sono arrivate le parole di Jens Petter Hauge a The Athletic“Stavo parlando con i miei agenti per fare un piccolo piano. Volevo passare al turno successivo dei Preliminari di Europa League con il Bodo Glimt vincendo la partita contro il Milan. Il Bodo in quella fase aveva 18 o 19 punti di vantaggio in campionato sulla seconda in classifica ed ero fiducioso che anche se fossi andato via io, avrebbero vinto lo scudetto. Quindi, quello era il momento giusto per me per lasciare il mio club. Milan? È andato tutto veloce. Mia madre pensava che fosse un grande passo per me trasferirmi a Milano e in Italia, una nuova lingua da conoscere e cose del genere. Abbiamo quasi 50.000 persone che vivono qui a Bodo. È un po’ piccolo, soprattutto ora che vivo in una grande città, quindi, ovviamente, è un grande cambiamento. Sono davvero contento della mia scelta, mi sto divertendo ogni giorno. Una nuova opportunità per me di imparare cose nuove sulla squadra, sulla lingua e sulla città. Sulla lingua posso dirti che all’inizio conoscevo solo alcune parole chiave del calcio in modo che potevo capire quello che veniva detto in campo. Quando senti i suoni e le parole ogni giorno inizi ad impararli molto velocemente. A volte Ibrahimovic traduce per me”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy