Da Milanello, il programma del 12 febbraio 2021: rifinitura alle 14

Le ultime notizie da Milanello: il programma della sessione odierna di allenamento.

di Redazione Il Milanista
Pioli a colloquio con i calciatori del Milan nel pre Bologna-Milan

MILANO – Dopo la vittoria sul Crotone per 4 a 0, arrivata sabato grazie alle doppiette di Ibrahimovic e Kessie, il Milan ha iniziato a preparare il prossimo impegno di campionato che vedrà i rossoneri affrontare lo Spezia al “Picco” nel match valido per la 22esima giornata del campionato di Serie A ed in programma sabato 13 febbraio alle 20:45 in Liguria. In programma la rifinitura alle 14; alle 12 la conferenza stampa di Pioli.

Questo, intanto, è il report di acmilan.com sull’allenamento di ieri: a Milanello: ieri mattina una splendida giornata di sole ha accolto i rossoneri a Milanello per il penultimo allenamento in preparazione del prossimo turno di campionato, che vedrà il Milan impegnato a La Spezia sabato 13 febbraio alle 20.45. Presenti a Milanello anche Ivan Gazidis, Paolo Maldini e Frederic Massara. Inizio in palestra per l’attivazione muscolare poi squadra subito in campo, sul centrale, per proseguire nel riscaldamento con una serie di torelli a tema seguiti da alcuni esercizi atletici con l’ausilio degli ostacoli bassi. Al termine, spazio alla parte tattica della sessione odierna. Infine, la consueta partitella su campo ridotto.

Le parole di Bennacer

Notizie Milan, Bennacer
Ismael Bennacer, centrocampista algerino del Milan

Ismael Bennacercentrocampista rossonero, si è così espresso ieri a SkySport: “Il mister sa come gestire il gruppo, ci è vicino, ci chiede sempre se siamo stanchi, se stiamo bene e così via. Ha portato quello spirito di squadra di cui forse non avevamo abbastanza prima, e ci ha insegnato come indossare questa maglia. È una bella sensazione questa. Se non facciamo qualcosa quest’anno, tutto quello che abbiamo fatto prima, da marzo in poi, sarà dimenticato. Dobbiamo, per noi stessi, cercare di fare del Milan il grande club che era. Tutto questo anche per i tifosi perché è molto noioso giocare a porte chiuse. Non ci sono fisicamente, ma ci seguono. Dobbiamo dare tutto anche per loro. È il primo infortunio che mi ha tenuto fuori dal campo per così tanto tempo, ma ho un buon feeling con i recuperi. Cartellini? Lavoro molto sui miei difetti. Ero un po’ troppo aggressivo, non pensavo. Sotto la guida di Ibrahimovic, ho imparato velocemente”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy