news milan

Bianchi: “Milan? Una grande squadra ha dietro una grande società”

Bennacer esulta dopo il gol segnato al Bologna.

Le parole dell'ex terzino Walter Bianchi su alcune dinamiche relative al mondo rossonero, al suo tecnico e a Sandro Tonali.

Redazione Il Milanista

Intervenuto in esclusiva ai microfoni di Milannews.it, l'ex terzino rossonero Walter Bianchi ha parlato del Milan e del momento della squadra di Pioli. Queste le sue principali dichiarazioni:

SULLA PARTENZA IN CAMPIONATO - "Sono stati bravissimi. Su Maldini dirigente poi non avevo dubbi. Dopo tanti anni con grandi cambiamenti di tecnici e giocatori, Paolo ha cambiato le cose e sta facendo tutto quello che deve essere fatto in una grande società. La conferma di Pioli con Murelli e il suo staff è stata importantissima. La mia paura era che potessero cambiare ancora allenatore ma così non è stato. Sia Paolo che Massara stanno facendo benissimo. Una grande squadra ha dietro una grande società e anche allenatori come Inzaghi, Mihajlovic o Brocchi che sapevano cos'è il calcio, senza una dirigenza forte, non potevano rendere come sapevano".

 Stefano Pioli da indicazioni ai suoi giocatori.

SULL'ASPETTO PREFERITO DEL LAVORO DI PIOLI - "E' un'ottima persona. Lo conosco bene perchè è di Parma ed è una persona splendida. Penso alla gestione di Saelemakers che è stata perfetta, a quella del gruppo che è molto unito. Anche Maldini e Massara in tribuna mostrano grande vicinanza a lui e alla squadra. Maldini, Pioli sono persone che danno tantissimo ad un calcio che sta togliendo idoli ai tifosi. Il pubblico, dopo quello che è successo con Donnarumma, è disorientato. Io l'ho conosciuto nelle nazionali giovanili ed era un ragazzo splendido. Maldini ha fatto bene a mettere un ultimatum dopo che il giocatore era stato accontentato in tutto per tutto, addirittura con l'acquisizione del fratello. Il calcio purtroppo è questo e vedere Maldini o Pioli mi dà speranza che possa essere il vecchio mondo che avevo conosciuto".

SULL'ESPLOSIONE DI TONALI - "Tonali l'anno scorso ha pagato un po' lo scotto di chi arriva in una grande piazza. E' arrivato dal Brescia e gli era stato affidato un centrocampo che ancora non girava a mille ma ha dimostrato carattere e temperamento. E' stato bravissimo Pioli a dargli fiducia e si vede la maturazione di un giovane che non si lascia schiacciare dalle critiche. Sta facendo benissimo.