Bakayoko: “Non ho mai pensato di aver sbagliato a venire al Milan”

Ecco le parole di Bakayoko

di Redazione Il Milanista

MILANO – Tiemoué Bakayoko in estate è arrivato al Milan dal Chelsea in prestito con diritto di riscatto a 35 milioni.

Il francese dopo un primo e difficile periodo di ambientamento è diventato un perno di Gattuso. Oggi “Il Corriere dello Sport” ha pubblicato un’intervista al mediano. Ecco le sue parole:”Dopo le parole di Gattuso (che lo aveva precedentemente bocciato)non stavo bene e non ero felice. Mi sentivo messo in discussione in quella che è la mia posizione in campo. Con il tecnico, però, non ne ho nemmeno parlato: ho pensato a lavorare e stop. Mi conosco e so quali sono le mie qualità: ero convinto che allenandomi duramente le soddisfazioni sarebbero arrivate. Non ho mai pensato di aver sbagliato a venire al Milan. Nella mia breve carriera non tutto mi è andato bene. A volte l’inizio di un’avventura in un nuovo club è stato difficile: è successo sia al Monaco sia al Chelsea e per questo non mi sono sorpreso che la storia si ripetesse al Milan. Ho bisogno di tempo per adattarmi, ma poi…”.

SUL RISCATTO – Leonardo ha spiegato che il suo riscatto è vincolato alla qualificazione alla Champions? Ho sentito quello che ha detto… Ma non sono nella posizione per poterne parlare. E’ un argomento che riguarda il Milan e il Chelsea. Restare al Milan è il mio sogno, il pensiero fisso nella mia mente, ma ho un contratto con il Chelsea. Cosa sarei pronto a fare per farmi riscattare al Milan? Non so. Io voglio solo finire la stagione al quarto posto, poi ci penseremo“.

RAPPORTO CON GATTUSO – “Le qualità di Gattuso? Non so se ha delle qualità (dice serio prima di scoppiare a ridere, ndr). Scherzo, scherzo… Gattuso ama i giocatori e dà tutto per farli allenare bene. La sua dote è quella di dare amore ai giocatori. Se da calciatore era il mio idolo? Non era il mio giocatore ideale. Lo dico con grande rispetto perché ha vinto la Champions che è il mio sogno e per favore non diteglielo… (ride ancora, ndr). Per me è il boss, una bella persona che mi ha aiutato molto: nei primi 2-3 mesi quando non tutto andava bene, parlavamo ogni giorno, ma ora non c’è bisogno perché ci capiamo con uno sguardo. La nostra relazione è perfetta. Se sono un leder come dice Gattuso? Non so. Cerco di dare tutto me stesso per la squadra e per i tifosi, di fare le cose mettendoci il 100% perché ho un grande cuore. E’ importante quando l’allenatore ritiene che sei un leader”Intanto, novità sull’ultimo colpo di mercato del Milan!> CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy