Gattuso: “Difficile fare meglio di questi 68 punti. C’è rammarico, ma anche orgoglio”

Gattuso: “Difficile fare meglio di questi 68 punti. C’è rammarico, ma anche orgoglio”

Il tecnico rossonero ai microfoni di DAZN dopo Milan-Spal

di Redazione Il Milanista

MILANO – Gennaro Gattuso ha commentato, ai microfoni di DAZN, la stagione appena conclusa a un solo punto dall’obiettivo Champions League: “68 punti, se andiamo a vedere com’è andata la stagione il rammarico ci deve essere, ma anche l’orgoglio. Questa è una squadra giovane, con grandi margini di miglioramento. Quello che hanno fatto quest’anno sembra poco, ma vi assicuro che è tanta roba”.

Un milanista vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!
Segui il Milan ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

BILANCIO – “Gli allenatori li devono giudicare gli addetti ai lavori, la società. In questi giorni ci incontreremo, io dirò quello che penso e loro faranno lo stesso. Sicuramente nel corso della stagione abbiamo fatto degli errori, ma come ho ringraziato la squadra ringrazio anche il mio staff. Io penso che con tutte le problematiche che abbiamo avuto in questi 18 mesi abbiamo fatto un buon lavoro. Se andiamo a sommare i punti che sono stati fatti e le prestazioni secondo me è stato fatto un buon lavoro”.

POTENZIALE – “Quando si subiscono dei gol, o quando ti schiacci la difesa può sbagliare. Io sono comunque contento della crescita di tanti giocatori. Secondo me tanti calciatori hanno giocato per tanti mesi al di sotto delle loro possibilità perché venivano da momenti non brillantissimi, ma questa è una squadra che ha qualità. Naturalmente ci dobbiamo migliorare, io non so se sia possibile migliorare i 68 punti di quest’anno, ma si vedrà”.

PRESSIONE – “Probabilmente durante questi 18 mesi ho speso più del dovuto, ho sentito più pressione del normale. Questo è un club che mi ha dato tutto e quindi soffro di più. Ho dormito poco, mentalmente sono a pezzi”.

Io penso che bisogna riguardare un po’ di comportamenti. Per esempio al derby, quando abbiamo dato priorità a quello che era successo e non a quello che potevamo fare. Da lì abbiamo perso un po’ la nostra anima, che invece prima di quella partita avevamo dimostrato di avere”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy