Morabito: “Bacca non ha mercato, al Milan manca qualità”

Il noto agente Fifa ha rilasciato in esclusiva una lunga intervista, facendo il punto sul mercato e chiarendo alcune situazioni in bilico nel campionato italiano di Serie A.

di Redazione Il Milanista

 

Di Delia Paciello

Uno sguardo alla classifica insieme a Vincenzo Morabito: le due milanesi sono in lotta per il sesto posto, il Milan sente il fiato sul collo, ma secondo l’agente Fifa è fondamentale per i rossoneri entrare in Europa League: “Poter competere su palcoscenico europeo può essere essenziale per la crescita del Milan, ma deve battersi con l’Inter. Una situazione analoga la vive il Napoli con la Roma: l’entrata diretta in Champions è a 4 punti. Ma, mentre per il Napoli è più complicato, non è la stessa cosa per l’Inter: la Roma non perde punti facilmente, gli azzurri si smarriscono in gare semplici. Ora siamo a 5 giornate dalla fine, se 4 punti sono difficili da recuperare ai giallorossi, non si può dire la stessa cosa per i 2 punti al Milan”.

Poi Vincenzo fa notare la differenza dal punto di vista finanziario delle due società di proprietà cinese: “Mentre la nuova proprietà dell’Inter non mette limite agli investimenti, per il Milan non è la stessa cosa: bisogna capire qual è il budget da poter investire sul mercato, altrimenti diventa difficile”.

I 50 milioni di cui si parla, quindi, potrebbero non bastare: “Il Milan ha sicuramente bisogno di investire sia sul reparto offensivo che a centrocampo. Bacca è un giocatore che quest’anno non ha reso come previsto, e, vista l’età, la società potrebbe anche pensare di farne a meno e reinvestire i soldi della sua cessione; purtroppo al momento non ha mercato: fra un po’ compie 31 anni, l’anno scorso ha rifiutato un’offerta importante, ora l’unica prospettiva per venderlo adeguatamente è in Cina. Tra l’altro Deulofeu andrà via, è richiesto dal Real Madrid. Quindi i rinforzi sono necessari per creare una squadra competitiva: si tratta per Keita della Lazio, potrebbe fare al caso del Milan. È ammirevole il lavoro di Mirabelli in giro per l’Europa, ma purtroppo bisogna chiarire bene la situazione ai vertici per poter avere un quadro complessivo del mercato rossonero” spiega Morabito.

Quindi si sofferma sulla questione degli esterni, intrecciando anche la situazione del Napoli: “Il caso De Sciglio è molto complesso: vista la situazione è molto probabile che la sua nuova destinazione sia la Juventus. In tal caso bisognerebbe intervenire anche in quel ruolo. Il Milan sta valutando un giocatore del Napoli, Faouzi Ghoulam, sicuramente in partenza dal club azzurro. Potrebbe essere l’unica cessione del Napoli se rientra il problema familiare di Mertens. Si è parlato di Koulibaly, ma il difensore non ha mercato al momento: l’anno scorso sono stati rifiutati 50 milioni, ora è difficile arrivare a quelle cifre. D’altronde, dopo l’addio di Higuain, il Napoli dovrebbe cercare di dare un segnale forte non vendendo giocatori fondamentali, come anche l’attaccante belga, e cercando invece rinforzi sia tra i terzini che nel ruolo di portiere, ma anche un esterno che faccia rifiatare Insigne e Callejon. I nomi su cui loro puntano sono, ad esempio, Malcom del Bordeaux o Widmer dell’Udinese, che può fare entrambe le fasce. Non si esclude qualche profilo giovane di prospettiva però, a cui potrebbe guardare anche il Milan”.

Conclude infine con le sue considerazioni sul Milan del futuro: “A questo Milan manca qualità. Bisognerebbe ricostruire la struttura della squadra partendo dal portiere, Donnarumma, che non devono assolutamente lasciar partire, e da alcuni giocatori importanti come Romagnoli in difesa e Locatelli a centrocampo. Accanto a questi dovrebbero inserire nuovi innesti di qualità. Almeno un altro punto fermo c’è rispetto alla rivale milanese: l’allenatore, Montella, che continuerà il suo progetto con i rossoneri, mentre l’Inter tratta con Conte e Simeone, avendo anche maggiore possibilità economica, per costruire la nuova squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy