Montella a Milan Tv: “Derby? Voglio vincere perchè vale anche per la classifica. Futuro in rossonero? Mi auguro di sì”

Le dichiarazioni di mister Montella a Milan Tv

di Redazione Il Milanista
Montella-Milan

Vincenzo Montella ha rilasciato delle dichiarazioni a Milan Tv: “Vogliamo gioire insieme sabato prossimo, continuiamo insieme e so che il tifo ci sarà sempre”.

DIFFICOLTà INTER – “Non mi fido per niente. All’andata tirarono fuori l’orgoglio, sono sicuro che non mancherà neanche sabato”.

DIFESA A 3 –  “L’abbiamo fatta domenica…”

DONNARUMMA –  “Gigio sta cambiando il modo di fare il portiere. Non ricordavo così tante maglie da portiere vendute, ora anche i numeri uno potranno aspirare di guidare le classifiche di marketing e merchandasing. Parata migliore? Dybala a Doha, Khedira era facile per lui”

DEULOFEU –  “Per costruire la squadra, bisogna fare tante valutazioni. Serve conoscere il mercato, il budget a disposizione e tante cose. La domanda è semplice ma al tempo stesso difficile, quindi non posso rispondere adesso”.

CROTONE-INTER  – “Sentivo i boati del pubblico e cercavo il consenso in panchina”.

FUTURO AL MILAN –  “Mi auguro di sì, con questo fare anglosassone di tenere tanto gli allenatori”.

GOL PIù SODDISFACENTE – “Paletta col Sassuolo ma me lo sentivo. Forse Suso con la Lazio, ma vorrei premiare Lapadula col Palermo. Quel gol ci diede la giusta ricompensa coi 3 punti”.

I PUNTI –  “Iniziamo da sabato, senza vedere troppo in là”.

TIFO ROSSONERO –  “È splendido, soprattutto vedere così tanti bambini e ragazzini vestiti di rossonero”.

LOCA E SOSA CON L’INTER –  “Perchè no? Si sposano perfettamente”.

PASALIC –  “Centrocampista moderno ma completo. Deve migliorare in tante cose e per arrivare a livelli top deve innalzare le sue prestazioni. Può fare molto di più di ciò che sta facendo, ma non gli manca veramente nulla perchè ha tutto. Squalificato per il derby? Sono giovani…”.

MAIORINO –  “Rappresenta la società notte e giorno, mi piace anche avere una figura societaria sempre al mio fianco. Io sono fatto così, voglio rapportarmi sempre con queste persone. Possono sempre esserci dei consigli e dei suggerimenti”.

BERLUSCONI E GALLIANI – “Vivo molto di più Maiorino e Galliani che ci vediamo e sentiamo ogni giorno. È stato davvero un momento di crescita conoscere Adriano, e ho capito il motivo per il quale abbia vinto così tanto negli ultimi anni. Lo ripeto, per me è stata una crescita incredibile poter lavorare con lui. Con Rocco Maiorino tutto è facile. Su Berlusconi invece mi dispiace non esserci conosciuti a pieno, sempre impegnato in tante cose importanti. Ma oltre a tanti discorsi, nelle sue telefonate ho sempre sentito tanta stima, questo mi inorgoglisce”.

VITTORIA A BOLOGNA –  “Fu epica, la squadra dimostrò tutto. Il cuore fa la differenza sempre. Tutti pensavamo di poterla vincere, e ci siamo riusciti”

BOLOGNA O DOHA – “Scelgo la partita di Doha perchè abbiamo alzato un trofeo ed è sempre un sogno per tutti”.

NIANG – “Ha messo tutto se stesso, poi ha vissuto un calo. Lui è molto emotivo e l’ambiente che si è creato ha pesato tanto. Tutto gli pesava troppo ed è stata una scelta dolorosa. Avesse avuto una storia diversa, avremmo vinto anche la scommessa Niang. Soffriva per tante cose”.

SUSO –  “Lui vive per il calcio, e stava soffrendo molto in questo periodo. Quelli di ieri sono applausi meritati. Sono contento per la sua prestazione, ma complimenti anche al pubblico che è stato grande ieri”.

LA ROSA –  “Ogni squadra ha un valore ipotetitco, ed è questo il mio orgoglio più grande. Li ho visti crescere, non solo i più giovani, tanti sono stati rivalutati”.

SPAURACCHIO DELL’INTER –  “Handanovic”.

COME VIVE LE VITTORIE –  “Meno, le vivo poco perchè mi sento responsabile di tutto il gruppo quindi devo sempre stare a pensare a qualcosa”

FIGLIA DEULOFEU – “Faccio tantissimi auguri a Gerard, alla moglie e alla piccola. I padri hanno sempre un impeto e una forza diversa. E soprattutto alla sera stanno a casa”.

L’OBIETTIVO – “Per condurre un gruppo, è cruciale darsi target reali. Il nostro obiettivo è presentarsi ogni giorno a Milanello e migliorare ogni giorno sempre di più. È questo realmente il nostro target”

IL SORPASSO – “Essere davanti, prima del derby, è molto meglio, ma sappiamo comunque che dobbiamo dare più del 100% perchè sono forti e daranno più di quello che hanno. Dovrò cercare di isolare la squadra nei prossimi giorni, non ascoltando nulla e non guardando mai la classifica”.

LE QUALIFICAZIONI PRECEDENTI –  “Non sapevo di essere stato così bravo negli anni scorsi. Ora devo ritoccare la mia percentuale allora. Dopo qualche mese, avevo già capito che sarebbe servita una media altissima perchè sotto facevano pochissimi punti. Noi, ad oggi, stiamo avendo un cammino da Europa certa, dobbiamo solo continuare così”.

PUNTI PER L’EUROPA –  “Non saprei precisamente un numero. Ogni anno è diverso, in questa stagione poi si corre tantissimo davanti. 70 punti sarebbero però un bel traguardo”

99 VITTORIE IN SERIE A –  “Non sarebbe male farla sabato la centesima, no?

IL GRUPPO –  “La base era veramente solida e tutti avevano voglia di rivalsa. Avevano però necessità di convincersi, di autoconvincersi. I risultati iniziali ci hanno dato una mano, il lavoro ha poi fatto il resto”

PASQUA FELICE –  “Effettivamente, non sarebbe affatto male vivere un’altra festività con una vittoria importante”.

RIMANERE AL MILAN –  “A prescindere da tutto, è il sogno di ogni allenatore creare una base per poi rimanere e trovare continuità. Questa è la mia volontà, la mia aspirazione. Ora mi sento di appartenere al Milan, e viceversa. Ma non voglio fermarmi, ora voglio continuare a far crescere la squadra. Questo il mio sogno”.

DERBY –  “Vogliamo vincere, che sia in casa o fuori. Anche se spesso giocare da loro è più stimolante… Voglio vincere perchè vale anche per la classifica, sarebbe un grandissimo passo in avanti per noi”.

IL MESSAGGIO DI ANCELOTTI –  “Carlo è sempre molto carino. Lo stimo tantissimo, mi ha aperto le porte al Chelsea ed è stata una persona che ho apprezzato tanto. Gli voglio bene. So che tiferà tanto sabato per noi”.

L’INTER –  “Ho sempre pensieri positivi, come quando vinsi per 4-0 a Firenze”.

MILAN-PALERMO – “Averla sbloccato subito è stata la chiave. Ma parte tutto dalla velocità del giropalla, giovando così allo spettacolo”.

I GOL – “È importante avere prima di tutto un metodo di gioco chiaro. Ieri abbiamo fatto possesso palla ma abbiamo anche verticalizzato, una cosa non esclude l’altra. Bisogna saper mixare entrambe le cose”

INFORTUNIO ROSSI –  “Ci siamo sentiti. Un ragazzo straordinario. Vive per il calcio e sono molto dispiaciuto. L’ho sentito sereno e sono certo che tornerà forte. Non pensavo potesse esserci qualcuno più sfortunato di me con gli infortuni, poi è arrivato Giuseppe. Spero potrà tornare per farci emozionare tutti”.

VAN BASTEN –  “Avrei voluto giocarci insieme perchè sono cresciuto con quel mito. Ma mi sarei accontentato anche di allenarmi con lui”.

Intanto Balotelli ne combina un’altra delle sue…

IlMilanista.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy