San Siro, gli architetti:”Da pazzi abbatterlo”

Il progetto “San Siro” continua a far discutere in Italia ma non solo, molti gli architetti stranieri che si sono espressi in merito

di Redazione Il Milanista

San Siro, anche gli architetti stranieri contro Milan ed Inter

San Siro e il suo "rifacimento" che sta facendo discutere
San Siro e il suo “rifacimento” che sta facendo discutere

MILANO – La questione del rifacimento di San Siro sta facendo discutere molto qui in Italia, ma anche all’estero dove diversi architetti che lavorano a livello internazionale si sono espressi in merito. In Gran Bretagna l’Architet’s Journal, storica rivista londinese si è esposta dichiarandosi contraria al progetto di Milan e Inter per quanto riguarda lo Stadio Meazza.

Come riporta “TuttoSport” l’Architets Declare un gruppo di architetti provenienti da tutto il mondo si è riunito per progettare nuovi interventi eco-sostenibili e ha proposto di boicottare il bando internazionale che verrà indetto da Milan e Inter. Queste le loro dichiarazioni:“L’Arsenal ha abbandonato Highbury, ma il vecchio stadio è rimasto in piedi e trasformato in modo estremamente soddisfacente. Per contrastare queste proposte dei club si potrebbe chiedere di allestire una gara parallela per un riutilizzo a basso impatto dello stadio esistente. La demolizione di un edificio enorme per fare spazio a uno più piccolo è abbastanza indifendibile come scelta di design. È da pazzi. Se questo fatto si combina alla rinuncia del campo di calcio più storico d’Italia, la perdita è devastante e spinge a immaginare la necessità di un intelligente riutilizzo. Edifici come questo, che sono totem del cambiamento nel corso dei decenni, devono indicare come le costruzioni possano essere conservate e riadattate”. 

Un milanista vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!
Segui il Milan ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy