• ultim'ora

Fassone a Radio Rai: “Richieste impossibili dall’Uefa. Cambio panchina pericoloso”

L’amministratore delegato ha rilasciato una lunga intervista a Radio Rai

di Redazione Il Milanista

MILANO – L’amministratore delegato rossonero Marco Fassone ha parlato ai microfoni di Radio Rai rilasciando una lunga intervista nella quale affronta molti argomenti, tra cui il Voluntary Agreement, l’Europa League e l’allenatore.
Sul campionato e il cambio panchina ha detto: “ Ci sono state partite dove non abbiamo giocato bene, non possiamo nasconderci. Credo però che la squadra non sia debole e che abbia dei singoli forti. Ieri il Milan ha offerto almeno un’ora di ottimo calcio. Credo che siamo nella direzione di una squadra che cercherà di dare il massimo per convincere anche i tifosi. E’ presto per dire di essere fuori dal tunnel. Mi aspetto un mese complicato a dicembre per il cambio di allenatore. Un cambio non produce miglioramenti evidenti nel breve, non sai mai se è essenziale o fondamentale, quando prendi questo tipo di decisioni non sai cosa accadrà. Abbiamo preso questa decisione perché abbiamo visto che eravamo troppo sgonfi rispetto al nostro progetto. Speriamo di avere avuto ragione. Per quanto riguarda la classifica la preoccupazione sul ritardo è evidente, perché l’obiettivo era arrivare tra i primi quattro. Pensavamo di avere 70 punti nelle gambe per arrivare in Champions, ma quelle più avanti vanno più forti“.

Sul Voluntary Agreement, invece ha risposto: “E’ importante ricordare che stiamo cercando di fare un patteggiamento volontario per non pagare sanzioni perché è impossibile soddisfare le richieste dell’UEFA. Ci sono un paio di richieste che sono impossibili da portare a termine. Il primo è quello di estinguere il debito prima del voluntary agreement e il secondo è relativo alle garanzie bancarie. E’ lo spirito che dovrebbe preoccupare i nuovi azionisti. Auspichiamo che l’UEFA possa ascoltare il nostro voluntary agreement. Se così non sarà, chi arriverà dopo di noi sarà consapevole che la strada è impervia. Ma ancora siamo ottimisti in attesa della risposta. Cosa rischia il Milan senza il patteggiamento? Si rientrerebbe nella categoria dei club che non hanno rispettato le regole, con sanzioni e restrizioni sportive da rispettare negli anni successivi“.

Riguardo Gattuso: “Un azzardo? Spero che non sia un azzardo, per noi non è una scommessa. Nelle settimane precedenti ne abbiamo parlato a lungo con Mirabelli, che lo ha seguito tanto nelle settimane precedenti all’esonero di Montella. Non è un allenatore alle prime armi. Non è solo l’ex giocatore promosso in prima squadra da tecnico. Speriamo non sia un azzardo e che Rino possa avere successo in questo sogno che sta vivendo. Il mister sa sprigionare sempre, sia nella fase euforica che quella di amarezza, tutta la sua passionalità. Ieri sera era veramente molto carico. C’è un bellissimo rapporto tra lui e la squadra. I giocatori sono molto coesi e compatti nel seguire le sue indicazioni. A questo Milan potranno mancare altre cose ma non certo le sue componenti di grinta e determinazione. Il modulo? Lo sceglie lui“.

Per quanto riguarda il mercato e la possibile cessione di un big: “Acquisti sbagliati? Li rifarei tutti, ciò non toglie che pensiamo di aver commesso un paio di errori. Qualcosina che non rifaremmo oggi, c’è, ma non mi riferisco ai giocatori. Ci sono alcuni che stanno performando sotto la propria qualità, ma ci sembra impossibile che i Bonucci e i Biglia, non possano tornare a rendere come in passato.  La cessione di un big non arriverebbe in funzione di questi accordi con l’Uefa. Se il Milan non dovesse raggiungere i ricavi sperati, in arrivo anche dalla Champions, allora dovremmo rivedere anche alcune strategie di mercato. La qualificazione all’Europa League comporta un abbassamento di 30 milioni dei piani finanziari, questo significherebbe avere 30 milioni in meno per fare mercato. Dunque potremmo anche decidere di cedere un giocatore per aumentare il budget mercato. Se abbiamo preso troppi giocatori? E’ possibile. Abbiamo fatto tanti ragionamenti in estate. Alla fine le risposte che Mirabelli e Montella mi avevano dato erano quelle di fare un cambiamento importante con 5-6 giocatori da mantenere. Questa è stata la scelta nella consapevolezza che nei primi mesi, creare una squadra vera e propria, sarebbe stato difficile. Noi pensavamo di avere un rendimento più basso nella prima parte, per poi risalire. Noi abbiamo perso 5-6 punti che ora sono difficili da recuperare rispetto al quarto posto“.

Conclude con l’Europa League: “E’ ovvio che l’esempio del Manchester United è quello che vorremmo prendere in considerazione. E’ l’unico trofeo che ci manca in bacheca. Poi con la realtà del campionato che ci vede distanti, vogliamo provarci. Sappiamo che ci sono squadre più attrezzate, ma è vero anche che l’Europa League si giocherà da febbraio con meccanismi ritrovati anche per Gattuso“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy