Dalla Spagna osservano: Serie A, mercato da record

La finestra di mercato ancora in corso ha registrato un record di spesa complessiva da parte dei maggiori club italiani rispetto agli scorsi anni, ancor prima che si chiuda la sessione. Responsabile principale il Milan

di Redazione Il Milanista

MILANO – Nel campionato italiano sono già stati spesi 790 milioni di euro in totale fra i club italiani in questa sessione estiva, superando addirittura il record complessivo dello scorso anno che era di 716 milioni di euro. E questo ancor prima che si chiuda la finestra di mercato: ci sono ancora altri acquisti da fare. Ad analizzare la situazione italiana è il quotidiano spagnolo Marca.

Ma ad alzare di gran lunga le soglie degli investimenti italiani fra i club di Serie A è senza dubbio il Milan: una squadra completamente rinnovata, come annunciato da Fassone in tempi non sospetti.

 

Fassone-Yonghong-Han
Fassone-Yonghong Li-Han Li

Ma ecco quanto hanno speso i club di Serie A finora, secondo quanto riportato da Marca:

Milan: 209,5 milioni di euro 

   Juventus: 142 milioni di euro   

   Roma: 89 milioni di euro   

   Inter: 79 milioni di euro  

   Fiorentina: 66 milioni di euro

Ed ecco invece come è cambiata complessivamente la spesa nel mercato estivo dei club italiani nel corso degli ultimi anni:

    2017-2018: 790 milioni di euro

    2016-2017: 716 milioni di euro

    2015-2016: 570 milioni di euro

    2014-2015: 338 milioni di euro

    2013-2014: 485 milioni di euro

Una cosa è certa: l’acquisto da parte di Yonghong Li del club rossonero ha cambiato l’andazzo societario: ora sono decisi a tornare ai livelli altissimi di un tempo, e l’acquisto di Bonucci ne è un chiaro segnale: è lui uno dei leader dei campioni in carica, vincitore di ben 6 scudetti consecutivi in rossonero, e può essere un contributo fondamentale per il nuovo Milan che deve assestarsi dopo una serie di cambiamenti e uomini nuovi: l’esperienza e il carisma dell’ex bianconero possono rappresentare la chiave della rinascita milanista. E su questo, sia in Spagna che in Italia, sembrano tutti d’accordo.

Seguici anche su Telegram: clicca qui e scopri come

3

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy