CROTONE-MILAN: L’ ANALISI SUGLI AVVERSARI

Trend, tattica e singoli. Tutto quello che c’è da sapere in merito al nostro prossimo avversario

di Redazione Il Milanista

Il Crotone, oggi, sarebbe retrocesso, ma in questa fase rischia di essere uno degli avversari più pericolosi da incontrare in Serie A; a maggior ragione se allo stadio Scida. Nelle ultime 4 gare i calabresi hanno conquistato 10 punti, battendo Sampdoria e Chievo in trasferta e Inter in casa. Numeri da tenere in forte considerazione per i rossoneri, chiamati a reagire subito dopo il ko con l’Empoli. Ma andiamo a scoprire più nei dettagli la squadra di Davide Nicola.

ULTIMA SFIDA
Il 4 dicembre 2016, a San Siro, il Milan di Vincenzo Montella faticò per battere il Crotone. Una partita combattuta e in salita, nella quale il Diavolo andò sotto al 26′ (gol di Falcinelli) per poi rimontare grazie a Pasalic a ridosso dell’intervallo, al primo gol in rossonero, e soprattutto a Lapadula, decisivo al 41′ della ripresa – girata di destro dopo una mischia in area – a deviare la palla in porta alle spalle di Cordaz.

TREND CROTONE
Il Crotone è la formazione che subisce meno gol nei primi 15′, solo una in queste 33 giornate di campionato, ma anche quella che ne segna meno all’interno dello stesso periodo di gioco (solo 2): un record negativo. 10 dei 28 gol dei pitagorici sono arrivati nell’ultimo quarto d’ora: con il 36%, è la seconda percentuale più alta della Serie A. I calabresi, poi, sono la compagine che meno si passa il pallone (319 passaggi a partita) e con la peggiore precisione (il 67%); inoltre ha subito il maggior numero di rigori fischiati contro (9). Infine, il Crotone è terzultimo per gol fatti (28), conclusioni (350), percentuale realizzativa (10.5%) e tiri nello specchio (40.8%).

MODULO
Il Crotone di Mister Nicola punterà sempre sul classico 4-4-2, il modulo di riferimento. Si va verso la conferma in blocco degli ultimi schieramenti, con gli undici titolari già delineati: Cordaz in porta, in difesa Rosi a destra, Martella a sinistra e in mezzo la coppia Ceccherini-Ferrari. A centrocampo gli esterni saranno Rohden e Stoian, con Barberis e Crisetig centrali. In attacco, invece, spazio al duo Trotta-Falcinelli.

ATTENZIONE A…
Diego Falcinelli ha raggiunto per la prima volta la doppia cifra in Serie A (12 reti). La punta ha partecipato attivamente a otto degli ultimi 11 gol del Crotone: sette reti e un assist vincente. E vanta anche un alto numero di recuperi palla (59). Il Crotone ha vinto solo una partita e ottenuto 4 punti nelle 13 partite in cui Nicola non ha schierato la coppia Falcinelli-Trotta dall’inizio: con loro titolari, i pitagorici ottengono il triplo dei punti (1 vs 0.3).

Marcello Trotta: mancino e forte fisicamente, il classe ’92 ha già collezionato 26 presenze, 2 gol e 3 assist.

Simy ha siglato due gol in due gare consecutive: non era mai successo nella massima serie. L’attaccante li ha realizzati in 29′ totali di impiego, dopo che aveva fatto centro in una sola occasione nei precedenti 436’.

Gianmarco Ferrari, in questo campionato, ha segnato di testa 2 dei suoi 3 gol stagionali: tra i difensori, solo Caldara ha fatto meglio con questo fondamentale.

Fonte: acmilan.com

IlMilanista.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy