Gravina: “La violenza negli stadi è una degenerazione culturale”

Gravina: “La violenza negli stadi è una degenerazione culturale”

Il Presidente della Figc ha parlato ai microfoni de “Il Calciatore”

di Redazione Il Milanista

MILANO – “Il Calciatore”, rivista dell’Associazione Italiana Calciatori, ha intervistato Gabriele Gravina, Presidente della Figc.

Il numero uno della Federcalcio è tornato a parlare della violenza negli stadi, problema affrontato anche lo scorso 7 gennaio in un vertice col Ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Una degenerazione culturale”, così Gravina definisce la violenza nel mondo dello sport.

LE SUE PAROLE – “La violenza negli stadi, per essere affrontata nel modo giusto, deve essere concepita come una degenerazione culturale prima che come un fenomeno sociale. Serve la fermezza delle misure, la rigidità e certezza delle sanzioni e della pena che solo lo Stato può garantire. Lo scorso 7 gennaio, al tavolo con il Ministro Salvini, il calcio si è presentato con delle proposte concrete per vincere la violenza, valorizzando il tifo vero e la passione genuina della stragrande maggioranza degli italiani. Una volta che il Governo esprimerà i suoi provvedimenti, aggiorneremo come è d’obbligo i nostri strumenti normativi rispettando il clima di fermezza con cui intendiamo contrastare il problema”.

Intanto, dopo la Supercoppa arriva la decisione: Scaroni cambia tutto > CLICCA QUI

Caricamento sondaggio...
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy