Sconcerti: “Var? Non è scienza, ma servono regole certe e universali”

Sconcerti: “Var? Non è scienza, ma servono regole certe e universali”

Il commento del giornalista

di Redazione Il Milanista

MILANO – Al termine di un weekend caratterizzato dalle ennesime polemiche arbitrali, Mario Sconcerti, sul Corriere della Sera, è tornato a parlare degli arbitri e del Var.

Un milanista vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!

Segui il Milan ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

LE SUE PAROLE – “È un errore pensare che il Var sia scienza. Non lo è. La scienza dà risposte esatte, o sì o no. La Var è solo tecnica che può falsare la vita. Più rallenti un’azione e più la cambi. Servono regole certe e universali, tutti nel dubbio guardano tutto, non una volta sì e una no. Un arbitro fa carriera se arbitra grandi partite e per arbitrarle non deve farsi ‘squalificare’ dalle grandi squadre. Quindi non deve scontentarle troppo. Questo non è un sospetto, è la regola”.

Intanto, l’UEFA dice no: salta il fenomeno scelto da Leo > CLICCA QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy